D’intorno al poeta – Theodor Adorno

Foto: Michael Bilotta
Foto: Michael Bilotta

D’INTORNO AL POETA

 

3.

Al poeta, questa creatura votata all’oblio, piace intavolare discorsi col mostro supremo, con lo specchio, in cui si vede moltiplicato e immensamente colmo di moltitudine. Ma per il poeta l’estasi è preclusa, può solo farne caricatura. Ebbro della sua adolescenza e del suo divenire, questo strano genere di artista è davanti a un tempio in cui non può entrare, ma di cui intravede forme, intuisce gemiti, avverte musiche.

Vuole la trascendenza, vorrebbe creare dei, mitologie e al tempo stesso dilaniarle, farle a brandelli.

Oggi è più portato a sfondare religioni e che a fondarle.

Ma storicamente sono i poeti che creano gli dei, di cui poi si impadronisce la burocrazia sacerdotale.

Theodor Adorno

5 pensieri su “D’intorno al poeta – Theodor Adorno

  1. credo che i poeti moderni tendano ad interpretare, più che creare,
    il concetto di poeta è comunque opinabile,
    io considero Dante Alighieri una pietra miliare del pensiero sofista, non un poeta.

    complimenti per il blog

    TADS

Lascia un commento. La tua opinione è importante.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...