Henri Émile Benoît Matisse

Matisse ha aperto la strada a un tipo d’arte che non si accontenta della fedele riproduzione della realtà; le sue forme sintetiche e libere e i suoi colori vibranti hanno influenzato generazioni di artisti.

Il movimento delle «belve»

Parigi 1905: al Salon d’Automne, una delle sedi espositive più prestigiose dell’epoca, un gruppo di giovani artisti capitanati dal trentaseienne Henri Matisse espone una serie di opere dai colori estremamente accesi, non naturalistici. Si grida allo scandalo; la critica definisce quegli artisti fauves («fulvi», cioè «belve», «selvaggi») per la violenza cromatica delle loro immagini, ignara di aver appena dato il nome a uno dei movimenti più importanti e innovatori del Novecento.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Esprimere con il colore l’energia della vita

3 pensieri su “Henri Émile Benoît Matisse

Lascia un commento. La tua opinione è importante.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...