I professori – Agota Kristof

Foto: Sancoyo
Foto: Sancoyo

Agota Kristof

I professori

Durante gli studi provavo un immenso affetto per i miei professori. Mi ispiravano un’ammirazione e un rispetto tali che mi sentivo obbligato a difernderli dalla brutalità dei miei compagni.

L’inutile tortura dei professori mi rivoltava. Anche quando davano cattivi voti. I cattivi voti non hanno alcuna importanza, allora perchè fare del male a creature deboli e indifese?

Ricordo uno dei miei compagni che, molto abile, scivolava in silenzio alle spalle del professore di biologia e gli sfilava i nervi dalla colonna vertebrale per poi distribuirli tra noi.

Coi suoi nervi si potevano fabbricare parecchie cose, per esempio degli strumenti musicali. Più i nervi erano logori, più il suono era delicato.

Il professore di matematica era molto diverso da quello di biologia. I suoi nervi erano assolutamente inutilizzabili. In compenso aveva una testa completamente calva, il che consentiva di disegnarci dei cerchi perfetti con il compasso. Cerchi di cui annotavo accuratamente la circonferenza nel mio taccuino, per trarne delle conclusioni in seguito.

Naturalmente, quando il professore ci dava le spalle per tracciare il trinagolo rettangolo del teorema di Pitagora alla lavagna, i miei compagni, grezzi e ignoranti, non trovavano nulla di meglio che mirare di soppiatto ai miei cerchi con le loro fionde – fabbricate coi nervi di cui sopra.

Dirò ancora qualche parola sul nostro brillante professore di lettere. Sarò breve, perchè so che i ricordi di scuola altrui sono noiosi per chi li ascolta.

Una volta, dunque, quest’uomo mi colpì alla testa con il gessetto per strapparmi al mio consueto sonno mattutino. Detesto essere svegliato così, ma non mi sono affatto arrabbiato, tanto era profondo il mio amore per i professori e per il gesso. A quei tempi consumavo un’enorme quantità di gesso, per via di una carenza di calcio. La cosa mi causava un pò di febbre, ma non ne ho mai approfittato per trascurare la scuola, poichè – come dico sempre – amavo i professori e in special modo il professore (assai brillante) di lettere.

E’ per questo che, impietosito dal poveretto, dopo che i suoi allievi gli avavano assassinato una poesia, alle dodici e trenta precise, nel parco accanto alla scuola e con l’aiuto di una corda per saltare dimenticata lì da qualche bambina, ho messo fine ai suoi tormenti.

Il mio gesto umanitario fu ricompensato con sette anni di reclusione. Sia chiaro, non ho mai avuto di che pentirmene, tanto quei sette anni furono ricchi di insegnamenti di ogni genere, e tanto erano grandi il mio affetto per le guardie e la mia ammirazione per il direttore del carcere.

Ma questa è un’altra storia.

Foto personale

3 pensieri su “I professori – Agota Kristof

  1. Sono nata con la Costituzione e non posso se non amarla :Mio padre la notte che sono nata il 6aprile del 46 era insieme a Giuseppe deVttorio e Umberto terracini.Ho insegnato 46 anni ma i miei ultimi quattro anni prsso un licep entro le mura di Roma ho dovuto subire un forte mobbing perchè , figlia unica dovevo sostenere mia madre da poco defunta e prendevo di tanto in tanto de permessi per la,legge 104 Ma in realtà speravano di farmi mettere a casa in aspettattiva perchè c’era unloro protetto supplente in graduatoria nella mia stessa classe di concordso.. Le cattiverie peggiori mi venivano dalle colleghe che si dichiaravano di sinistra e dalla professoressa di religione che andava dicendo a tutti i genitori che er omatta:: gli alunni che invece mi volevano bene amcora oggi mi cercano ed uno di loro mi ha costruito con tutto il suo affetto il blog Pemelopeletessitrice.dicendomi:”Prof :prof con ilblog ì in pensione non si annoia …….””.Sul blog penelope la tessitrice ho riportato diversi articoli della costituzione e ne ho spiegato anche i fondamenti filosofici. Contrasiamo il rischio di eventuali dittature con le armi della democrazia. “libertà di parola di opiniome e di pensiero” CVe ne abbiamo avuto già uno di troppo :”qui comando Io……… ) e non ci sembra il caso di averne unìaltro nella storia d’Italia: +: Anche il grande Cesare ,nel momento che diventò dittatore , a qualcuno che , forse era rimasto affezionato alla repubblica ,,,non c’era rimasto molto bene.. e non era del tutto contento di averlo come dittatore, altrimenti come si spiegherebbe la congiura?

    1. Ho sentito qualche ministro dell’attuale governo dichiarare la fondamentale importanza dell’educazione scolastica nella crescita di cittadini democratici e rispettosi del pensiero dell’Altro. Fumus o “credo”. Vedremo.

      1. Speriamo che sia cos ma nel caso mio erano sopratutto i colleghi perchè avevo chiesto il liceo più vicino casa avevndo mia madre allettata e sono figlia unica con una figlia unica: Io potevo usufruire della legge 104 per me perchè ero stata operata per u tumore , sia perchè avevo vuto un trumacranico cadendo pre non far cadere una bambina portatrice di handicap: Io non ho mai usufruito per me l della legge legge !104 perche a me andare a scuola faceva bene :(ho insegnato sia alle elmentare sia alle scuole superior e sono stata anche insegnante di sostegno e anche formatrice di colleghi quando il provveditorato di roma nè istitui i corsi: Ho tante specializzazioni e due poste laurea perchè non ero raccomandata e quindi studiavo studiavo. e prendevo specializzazioni. per il punteggio.. Poi quando sono arrivata nella scuola vicino casa trovi tanta tanta ostilità e cattiveria mi assegnavano cinque sezioni ed insegnavo Storia e filosofia su due sedi e gli orari erano fatti con lconsiderando due sedi nello stesso giorno Per cui io con il caldo e con il fddo dovevo andare tutti i giorni a piedi da una scuola all’altra: io sono una buona camminarice ma portare il carrello pieno di libri dietro e poi salire fini all’ultimo piano nela ede dove arrivavo e poi quando suonava la campane riscendere le scale p pi di nuovo unaltra sezione , risalire le scale : Lo facevano apposta: ovviamente era colei che faceva gli orari che mi sistemava per le feste ,Certamente con il conso del Preside che trall’altro si faceva vedere spesso in telvisione anche .La cricca è pericolosa nelle scuole: io ora è da poco che ho perso mamma Dopo che compiuti i 65 anni sono andata in pensione. Ma mi sono ripromessa di scrivere tutto quello che negli ultimi quattro anni della mia vita scolastica mi hanno fatto pssare e poi andavano dicendoanche che non conoscevo la filosofia: Quando sono stata invece anche nomianta Commissario al concorso di Storia e filosofia.: Io hoi sia l’abilitazione in lettere per le siperiori e per le scuole medie inferiori. poi l’abiliìtazione per la cattdrea di concorso 037 e la =37 e sono anche psicoterapeuta comportamentale cognitivista ed ho anche insegnato presso L’ospedale pediatrico im Via dei sabelli a Roma: Ho passato una vira dall’età di diciotto anni ad insegnare ì ed idirigenti del provveditorato mi conoscono bene e anche perchè sono sempre andata ovunque mi abbiano mandato perfino aCivitavecchi in un professionale che ancora ricordo contanta gioia . Idirigenti del provveditorato conoscevano anchje la mia serietà come Commisaria nei concorsi sia per la cattedra di lettere sia per quella di storia e filosofia . questo è l’ultimo anno che mi può dare un inv’carico lo Stato perchè è il terzo che sono in pensione , quindi chiuderò la mia carriera scolastica definivamente con le maturità del prossimo giugno come Presdiente di Commissioner . Io ho amato il mio lavoro etutti i miei alunni siaalle elemntari ,sia glihandicappati sia al professinale o niistituti tecnici e sia nel licei .ma non posso perdonare sopratuttola prof di religione che andava dicendo che ero matta:: Il bolo pemnelope la tessitrice me l’ho così come lo vedete ideato un alunno di quel famigerato al centro Roma. liceo che mi picco di non averci mandato mia figlia perchè già allora non se ne diceva bene: Il mobbig fa più danno agli alunni e alla società che agli insegnanti .

Lascia un commento. La tua opinione è importante.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...