National Geographic – Daily Travel Photo, il meglio del 2015.

San Fermin Running of the Bulls 2015 - Day 1
PAMPLONA, SPAIN – JULY 06: Revellers enjoy the atmosphere during the opening day or ‘Chupinazo’ of the San Fermin Running of the Bulls fiesta on July 6, 2015 in Pamplona, Spain. The annual Fiesta de San Fermin, made famous by the 1926 novel of US writer Ernest Hemmingway entitled ‘The Sun Also Rises’, involves the daily running of the bulls through the historic heart of Pamplona to the bull ring. (Photo by David Ramos/Getty Images)
River in the Land of Fire and Ice
Volcanic silt creates amazing patterns as glacial waters merge in this river delta in Iceland’s south. Aerial image, colors are natural (no photoshop).
Binche festival carnival in Belgium Brussels
Belgium, carnaval of Binche. UNESCO World Heritage Parade Festival. Belgium, Walloon Municipality, province of Hainaut, village of Binche.
Dancers hold their masks as they pose for pictures after taking part in the day long village festival of Chhau, at Malti village in Purulia
Dancers hold their masks as they pose for pictures after taking part in the day long village festival of Chhau, at Malti village in Purulia district, in the eastern Indian state of West Bengal January 31, 2015. Chhau is a traditional folk dance which involves singing, dancing and drama, and is performed to celebrate the successful harvest during springtime, according to the villagers. Picture taken January 31, 2015. REUTERS/Rupak De Chowdhuri (INDIA – Tags: SOCIETY TPX IMAGES OF THE DAY) – RTR4NR4K
The Call of Wildness
This is one of the reason I planed my trip to Mt. Rainier NP, July 2014. To visit Devil Pipe Organ, it will be a 12 miles round day-hike. However it totally worth it.The columnar lava is huge and grace. Stand below them, you will hear the whispers of their secrets in the past thousands of years.
A street in Havana, with its dilapidated but architecturally rich buildings, and vintage American cars.
A street in Havana, with its dilapidated but architecturally rich buildings, and vintage American cars, Dec. 21, 2014. (The New York Times)
Fisher man tools transporter
Fisher man tools transporter, Hung Yen, Viet Nam
colorful siti khadijah market
Siti Khadijah market is mostly run by women. Various good sold there
Young Eel Fishing Peaks In Tokushima
TOKUSHIMA, JAPAN – FEBRUARY 21: (CHINA OUT, SOUTH KOREA OUT) Fish collecting lamps of young eel fishing boats are seen on the Yoshino River on February 21, 2015 in Tokushima, Japan. Fishermen scoop approximately 5 centimetres young eels which gather to lamps. Eels are collected and raised as farming facilities. (Photo by The Asahi Shimbun via Getty Images)
Frosted landscape along Tangled Creek in Yellowstone National Park.
13 Jan 2015 — Frosty morning along Tangled Creek. Lower Geyser Basin, Yellowstone National Park. — Image by © Jeff Vanuga/Corbis
People cool off at a water park in Nanjing
People cool off at a water park, in Nanjing, Jiangsu province, August 1, 2015. Temperature hit 35 degrees Celsius (95 degrees Fahrenheit) in Nanjing on Saturday. Picture taken August 1, 2015. REUTERS/China Daily CHINA OUT. NO COMMERCIAL OR EDITORIAL SALES IN CHINA TPX IMAGES OF THE DAY – RTX1MQ3Y
Tsaatan people, Mongolia
___If you want to see more of my work, be welcome on my website http://www.parcheminsdailleurs.com ___Tsaatan people, reindeer herders tribes, live in the forest near Khovsgol lake, Northern Mongolia. Meeting them after several days of horseriding through the desertic taÔga and snow at times was unforgettable. Picture taken in 2014.
France, Reunion Island, Parc National de la Reunion (National Park of la Reunion), listed as World Heritage by UNESCO, Saint Benoit, Grand Etang, natural landscape of a lake surrounded by mountains under a stormy sky
02 Dec 2013, St.-Benoit — France, Reunion Island, Parc National de la Reunion (National Park of la Reunion), listed as World Heritage by UNESCO, Saint Benoit, Grand Etang, natural landscape of a lake surrounded by mountains under a stormy sky — Image by © SPANI Arnaud/Hemis/Corbis
Ice web
The photo was taken at ice skating journey on lake Baikal, Russia. Baikal in winter becomes the biggest ice rink in the world, fully covered with small and huge cracks, resembling spider’s web. We enjoyed more than 300 kilometers of smooth (and sometimes rough) ice, skating from Listvyanka to Khuzhir whithin less than two weeks. On the photo you can see small figures of skaters dragging loaded sledges behind.
Snow in Bern
epaselect epa04542318 Snow covers the roofs of houses in the city of Bern, Switzerland, 29 December 2014. EPA/PETER KLAUNZER ONE TIME USE ONLY.
NGS Picture ID:1915365
Aerials of Southern Alps, Fox Glacier, Mt. Cook and Mt. Tasman,Westland NP., and Mt. Cook NP.
A Journey to the Navajo Nation -- Modern Day Life in the Navajo Community
Highlighted by a hole in the clouds, Spider Rock stands out from the surroundings at Canyon de Chelly National Monument in eastern Arizona. The park, still populated by Navajo farms and ranches, requires a Navajo guide for access to most of the canyon bottom. (Kevin Moloney for the New York Times)
Holi Celebration In Bangladesh
Bangladeshi Hindu devotees are celebrating Holi Festival in Shakhari Bazar, Dhaka, Bangladesh, 6 March 2015. Holi is known as the festival of colors, celebrated at the end of the winter season on the last full moon day of the lunar month. The festival signifies the victory of good over evil.
Torred del Paine
Torres Del Paine, Chilean Patagonia The famous Torres Del Paine centerpiece ó Cuernos del Paine. This was the early morning sun hits the face of the mountain, and the dark stormy clouds glows and popes up!
Hongni tribeswoman
Ethiopia southern red tribe woman portrait

Il dottor Eugene Lazowski e la falsa epidemia di tifo che salvò 8000 ebrei polacchi.

2b

Eugene Lazowski era un medico polacco della seconda guerra mondiale. Un uomo come tanti: cattolico, una moglie, dei figli, un cane e un lavoro per la Croce Rossa nella città di Rozwadow (villaggio del sud-est polacco dove viveva una numerosa comunità ebraica). Aveva anche un amico, il dottor Stanisław Matulewicz, il quale fin dai tempi dell’Università,  aveva scoperto che iniettando a una persona sana un “vaccino” di batteri ‘inattivi’, quella persona sarebbe risultata positiva al  test  del  febbre tifoide senza sperimentarne né i sintomi né le mortali conseguenze. Così, semplicemente, maturano un piano per salvare dallo sterminio nazista una dozzina di villaggi nelle vicinanze di Rozwadów:  ‘infettare’ più gente possibile, ebrei e non, di età e condizione sociale diversa, nel minor tempo possibile. Funziona! Il Terzo Reich mette in quarantena tutta la regione.3

Un piano perfetto che è riuscito a salvare la vita di 8.000 polacchi, la maggior parte dei quali ebrei.

 Un idea semplice ma ardita ed eroica di due uomini che la storia, almeno quella ufficiale, si è semplicemente dimenticata.

Lo strano caso di William West

Foto segnaletica di due persone diverse ma con lo stesso nome e le medesime misure antropometriche.

1 (2)

Nel 1903, un prigioniero di nome Will West arriva nella prigione di Leavenworth, nello stato di Washington. Mentre si stava schedando [ scheda N° 3426] gli addetti si accorsero che quel nome gli era già familiare e che anche le misure fisiche prese nonché la foto segnaletica erano uguali a quelle di un altro detenuto con lo stesso nome ma schedato mesi prima [scheda N°2626].

5

Il direttore del carcere, McCloughty, ordinò di portargli i due uomini e controllò personalmente le misure, ma queste combaciavano quasi perfettamente. Improvvisamente gli venne in mente un nuovo sistema di cui aveva letto: le impronte digitali. Così,dopo averle confrontate, si accertò che i due soggetti erano due persone diverse ( guardandole doveva essere complicato).

6

Il caso West screditò simultaneamente i tre metodi  in uso fino ad allora, quali l’identificazione del nome personale, la foto segnaletica e le misure fisiche di Bertillon(Sistema di riconoscimento biometrico). Nello stesso tempo confermò l’accuratezza e l’utilità dell’identificazione dell’impronta digitale che da quel momento divenne il metodo elettivo delle investigazioni legali.

7

R. Hagan – Il pittore della “quiete”

L’approccio di Hagan alla pittura è quello di tradurre scene di vita quotidiana in visioni romantiche, nostalgiche, dolcemente serafiche del mondo.  Donne in riflessione,  animali, bambini, barche a vela, uccelli della foresta pluviale, scene polverose dell’outback australiano. Nutrimento per l’anima.

6 Robert Hagan 1947 - Australian Impressionist painter - Tutt'Art@ (5) Robert Hagan 1947 - Australian Impressionist painter - Tutt'Art@ (6) Robert Hagan 1947 - Australian Impressionist painter - Tutt'Art@ (8) Robert Hagan 1947 - Australian Impressionist painter - Tutt'Art@ (9) Robert Hagan 1947 - Australian Impressionist painter - Tutt'Art@ (15) Robert Hagan 1947 - Australian Impressionist painter - Tutt'Art@ (27) Robert Hagan 1947 - Australian Impressionist painter - Tutt'Art@ (29) Robert Hagan 1947 - Australian Impressionist painter - Tutt'Art@ (33) Robert Hagan 1947 - Australian Impressionist painter - Tutt'Art@

Robert Hagan 1947 - Australian Impressionist painter - Tutt'Art@ (3) Robert Hagan 1947 - Australian Impressionist painter - Tutt'Art@ (4) Robert Hagan 1947 - Australian Impressionist painter - Tutt'Art@ (7) Robert Hagan 1947 - Australian Impressionist painter - Tutt'Art@ (10) Robert Hagan 1947 - Australian Impressionist painter - Tutt'Art@ (14) Robert Hagan 1947 - Australian Impressionist painter - Tutt'Art@ (17)

Stanley Kubrick fotografo

“Per un breve periodo di tempo Kubrick si dedicò completamente alla fotografia, ritraendo la realtà del dopoguerra americano attraverso attimi rubati a personaggi noti o a fugaci figure metropolitane, dando alla luce scatti che, per la loro umanità, sembrano varcare il confine del tempo. Sotto quest’ottica, colpiscono in particolar modo gli scatti ‘spontanei’ realizzati per le strade di New York, vera e propria rassegna intimista delle varie anime che popolavano la città all’epoca del secondo dopoguerra.”

KubrickForLook article-0-0F07EB4900000578-427_964x838 KubrickArnoBarBaja young-photography-life-love-new-york-subway-stanley-kubrick-1 foto1 700817d53461d8d6188c2cae880a9da5 1011 35mm_10292_030d 194_1Suffolk___Hester_Sts 121a29e54712b8257169c9eec9c50348 17e74a1a063949969833330088f7

Albert Einstein con l’amante, una spia russa.

Scoperte le lettere che lo scienziato scrisse a una spia russa incaricata di scoprire i segreti dell’atomica: ‘Tutto qui mi ricorda di te, in questo mio nido solitario come la cella di un eremita’.

Albert Einstein con la sua amante, Margarita Konenkova, una spia russa, circa 1946

Si chiamava Margarita Konenkova, moglie dello scultore Sergei Konenkov nonche’ ex amante del celebre basso Boris Chaliapin e del compositore Sergei Rachmaninoff. Donna affascinante e di modi raffinati riuscì a sedurre Albert Einstein con l’intenzione di carpire i segreti del “Progetto Manhattan”, ovvero della bomba atomica. Il rapporto nascosto fra lo scienziato e Margarita duro’ una decina d’anni e lo rivelano alcune lettere d’amore che un erede della Konenkova si è deciso a vendere dopo più di mezzo secolo e scritte da Eistein in persona tra il ’45 e il ’46. Sulle lettera figura sempre la sigla ‘Almar’, formata dall’unione di Albert e Margarita.

almar

 Compiuta la sua missione in America, alla fine della guerra la donna tornò a Mosca dove fu decorata per i servizi resi al Kgb direttamente da Stalin. Oggi si conosce la sua vera professione grazie alle memorie del capo delle operazioni speciali del Kgb, Pavel Sudaplatov, pubblicate nel 1995. Sudaplatov era il grande manipolatore delle spie infiltrate compresa la suddetta Konenkova, nome in codice ‘agente Lukas’. Quando Margarita rientrò a Mosca nel 1945 la corrispondenza si interruppe con una frase che lascia capire l’atmosfera della guerra fredda: «Con questa lettera, se la ricevi, ti mando anche i miei baci. Che il diavolo si porti chiunque la intercetti».

903589_3_l

Robert Gonsalves, quando il surrealismo si fonde con la magia.

utterly_mesmerizing_optical_illusion_art_640_

Rob Gonsalves è un pittore canadese con una identità e un stile tutto unico, chiamato ”realismo magico”. I supporti di un ponte ferroviario che si trasformano in acrobati in equilibrio. Nubi che diventano dei velieri che navigano nel cielo. Bambini che saltano sui lettini e decollano in volo su di un paesaggio a patchwork sono solo alcuni degli esempi che fanno capire la forza espressiva e la capacità onirica di Gonsalves, dove il surrealismo si fonde con la magia e da’ vita al quel realismo magico in cui tutto è consentito. Quel momento magico in cui si passa dal sonno alla veglia, in cui la realtà si fonde con quel che resta del sogno.

eert eetjj fre geggr hfe ryyhhhhy sd sdfg tjji utterly_mesmerizing_optical_illusion_ar ll utterly_mesmerizing_optical_illusion_art_640_07 utterly_mesmerizing_optical_illusion_art_640_17 utterly_mesmerizing_optical_illusion_art_640jpg utterly_mesmerizing_optical_illusion_art_wes

Gonsalves, con i suoi dipinti, esplora visivamente le possibilità dell’immaginazione, incoraggiando a guardare oltre i confini della vita quotidiana, verso un luogo onirico dove è la fantasia a dettar legge. In tutti i suoi quadri la normalità appare solo per mutare e diventare qualcos’altro.

“Anche se il lavoro Gonsalves viene spesso classificato come surreale, si differenzia per il fatto che le immagini sono deliberatamente progettati e derivano dal pensiero cosciente. Gonsalves inietta un senso di magia in scene realistiche. Di conseguenza, il termine “realismo magico” descrive il suo lavoro con precisione. Il suo lavoro è un tentativo di rappresentare il desiderio degli esseri umani di credere l’impossibile, di essere aperti alle possibilità”

utterly_mesmerizing_optical_illusion_ar utterly_mesmerizing_optical_illusion_artbn

Sergey Reznichenko

Potente,esplosiva sinergia di colore, di luce elegantemente  a metà tra il concreto e l’onirico, tra il reale ed il surreale, tra il passato e il presente. Psicoanalitico.

Serhiy Reznichenko - Tutt'Art@ - (8)

Donne  morbide, attraenti, erotiche  che si lasciano osservare da sguardi malinconici e indecisi.  Le pose sono ammiccanti , gli sguardi appesi a un punto indefinito.Serhiy Reznichenko - Tutt'Art@ - (11)

Serhiy Reznichenko - Tutt'Art@ - (29) Serhiy Reznichenko - Tutt'Art@ - (4) Serhiy Reznichenko - Tutt'Art@ - (7) Serhiy Reznichenko - Tutt'Art@ - (12) Serhiy Reznichenko - Tutt'Art@ - (18) Serhiy Reznichenko - Tutt'Art@ - (20) Serhiy Reznichenko - Tutt'Art@ - (23) Serhiy Reznichenko - Tutt'Art@ - (26) Serhiy Reznichenko - Tutt'Art@ - (28)

L’ossimoro della fotografia astratta

creazione-astratta-152616

Non rappresenta il soggetto e il suo contenuto in maniera letterale, perché non  riproduce fedelmente la realtà ma comunica attraverso il colore, la forma e le  curve di un dettaglio diverso che diventa il vero propulsore e messaggio.

Examples-of-Abstract-Photography1

 L’astrattismo restituisce alle forme la loro originale indeterminatezza, confusione e polivalenza di significati lasciando all’osservatore la possibilità di attribuire  un suo significato e trarre una propria soddisfazione. Una forma d’arte non cognitiva e razionale  ma prioritariamente istintiva ed emotiva. Un modo per guardare le cose e il mondo in maniera completamente diversa.Examples-of-Abstract-Photography2 Examples-of-Abstract-Photography4 Examples-of-Abstract-Photography7 Examples-of-Abstract-Photography8 Examples-of-Abstract-Photography9 Examples-of-Abstract-Photography12 Examples-of-Abstract-Photography21 Examples-of-Abstract-Photography26 Examples-of-Abstract-Photography27

Han van Meegeren, il più abile falsario di tutti i tempi.

Han van Meegeren fu il più abile falsario che l’Europa abbia mai conosciuto, capace di bidonare chiunque grazie a una tecnica incredibile e alla conoscenza dei più raffinati metodi di sofisticazione.

Han van Meegeren
Han van Meegeren

Da giovane venne considerato un artista fallito. Per i suoi docenti all’Accademia di Belle Arti non sarebbe mai stato un artista nel vero senso del termine. La manualità c’èra ma mancavano la genialità,meglio dedicarsi ad altro. E difatti cominciò ad apprendere le tecniche di falsificazione da Theo Van Wijngaarden, famoso restauratore e falsario operante ad Amsterdam in quel periodo. Un po’ sbruffone, van Meegeren si vantava di imitare Rembrandt e Vermeer meglio di Rembrandt e Vermeer. Con le frodi divenne ricco ma il suo fine segreto era un altro: voleva prendersi una rivincita su quanti, da ragazzo, gli avevano consigliato di lasciar perdere con la pittura.

Meegeren-Cristo-a-Emmaus

Non commise mai l’errore di copiare opere di Vermeer esistenti: creò invece dipinti nuovi, inserendo con cura della polvere nel falso appena terminato per provocare la claquelure (lo spontaneo reticolo di piccole crepe, tipico delle tele ad olio invecchiate. La sua genialità arrivò a tal punto che Meegeren, per rendere sempre più credibili i suoi falsi d’autore e ingannare così gli esperti, si adoperò per reperire materiali e pennelli usati 300 anni prima.

Donna-che-beve-il-primo-falso-di-Van-Meegeren-ca.-1935

Ha addirittura avuto l’ardire di vendere i suoi falsi anche ai gerarchi nazisti durante la Seconda Guerra Mondiale. Quando  si trovò un Johannes Vermeer, di cui non si sapeva nulla, nella raccolta del leader nazista Hermann Goering, Van Meegeren, fu accusato di collaborazionismo. Di fronte alla possibilità della pena di morte, Van Meegeren confessò di aver falsificato il dipinto. Silenzio in aula, il pennello all’artista! Per dimostrare la propria innocenza e quindi di avere raggirato il nemico, alleggerendo così la sua posizione, si mette a dipingere durante una delle udienze: riproducendo un Vermeer in modo tanto preciso da scagionarsi.Il giudice lasciò cadere le accuse di tradimento. Ma Van Meegeren fu arrestato di nuovo, questa volta per falso e truffa. Venne condannato a un anno di prigione, dove morì per un attacco cardiaco un mese dopo il processo.Forger-art-han-van-meegeren Han van Meegeren mentre dipinge il suo ultimo falso Gesù tra i dottori