Macerata- Good Night, and Good Luck

Dice che in America il faro della democrazia e sull’eventuale malaffare politico è rappresentato, ininterrottamente da 200 anni, dalla stampa libera. Bene, sto ancora aspettando un giornale italiano, uno solo, che scriva delle similitudini di attacco( sebbene ridimensionato) tra Macerata, Londra, Bruxelles, Parigi. Sto ancora aspettando un politico italiano, uno solo, che chiami le cose col proprio nome, senza eufemismi o arzigogoli para linguistici. Nel frattempo, tuttavia, si assiste a un lungo, inesorabile processo di dissolvenza dell’italica cultura.
“Good Night, and Good Luck”, diceva Edward R. Murrow mentre spulciava e sputtanava pubblicamente le liste di proscrizione dei simpatizzanti filo-comunisti preparate durante la caccia alle streghe del maccartismo. Sto ancora aspettando Murrow.

zMqpk5rW5XKbDgPRRAbN_1082046460

Le origini etniche della bellezza

” Le origini etniche della bellezza ” è un progetto fotografico di Natalia Ivanova, un fotoreporter russo . Documenta  con affascinante  originalità “la diversità etnica del genere umano, attraverso la bellezza delle donne di tutte le etnie del mondo.”

the-ethnic-origins-of-beauty-women-around-the-world-natalia-ivanova-1

“L’obiettivo di questo progetto è quello di mostrare la vera scala della diversità etnico-culturale in modo completo, sistematico e creativo; per illustrare i tratti distintivi di ogni etnia, per quanto piccoli essi siano, e qualunque sia il loro status ufficiale. ”

Senza confini o limiti ma con un unico filo conduttore: la bellezza femminile.

the-ethnic-origins-of-beauty-women-around-the-world-natalia-ivanova-5the-ethnic-origins-of-beauty-women-around-the-world-natalia-ivanova-6the-ethnic-origins-of-beauty-women-around-the-world-natalia-ivanova-7the-ethnic-origins-of-beauty-women-around-the-world-natalia-ivanova-8the-ethnic-origins-of-beauty-women-around-the-world-natalia-ivanova-9the-ethnic-origins-of-beauty-women-around-the-world-natalia-ivanova-11the-ethnic-origins-of-beauty-women-around-the-world-natalia-ivanova-13

16081387

Sublime!

Loui Jover, l’acrilico, i vecchi giornali, le donne.

Loui Jover è un artista australiano le cui opere hanno la particolarità di essere realizzate su pagine di vecchi giornali e  libri d’epoca.  Stile, originalità e grande intensità psicologica caratterizzano i volti femminili ‘mentalizzati’  e dipinti  in immagini ricche di energia e introspezione.  Vibrante!

Loui Jover - Tutt'Art@ - (11)2360565-OEWXYUBW-7Loui Jover - Tutt'Art@ - (3)tumblr_o0mjicyMDh1s2djs8o1_12802341312-GFUVKRMM-7Loui Jover - Tutt'Art@ - (1)tumblr_o8t0xsMUIm1s2djs8o1_1280tumblr_o95dmjEfGo1s2djs8o1_1280tumblr_nnahnfcIUH1s2djs8o3_1280tumblr_o8qj4zeD941s2djs8o1_1280

tumblr_oabvniSRYV1s2djs8o1_1280

Loui Jover - Tutt'Art@ - (53)

L’ultimo bacio.

Ci sono cose da fare ogni giorno:
lavarsi, studiare, giocare,
preparare la tavola,
a mezzogiorno.

Ci sono cose da fare di notte:
chiudere gli occhi, dormire,
avere sogni da sognare,
orecchie per non sentire.

Ci sono cose da non fare mai,
né di giorno né di notte,
né per mare né per terra:
per esempio, la guerra
(Gianni Rodari)

 

 

 

vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_05vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_02vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_15vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_16vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_25vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_29vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_08vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_33vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_43vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_11 - Copiavintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_47vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_14

Porgete attente

l’orecchie; e il fato,

che vi sta sopra, o re fanciulli, udite.

Dell’innocente

sangue versato

in scellerata guerra

conta il cielo le stille, e le schernite

lagrime tutte della stanca terra.

(Vincenzo Monti)

 

 

Dipingere il silenzio Vilhelm Hammershøi

 

Vilhelm Hammershøi *oil on canvas  *33.4 x 28.2 cm
Vilhelm Hammershøi

Il pittore delle stanze vuote, del fluire silenzioso della vita, dello scorrere malinconico e inesorabile del tempo, dal mistero di una porta aperta, di una finestra, di un angolo di luce fredda, di una figura ritratta rigorosamente di spalle.

Immagini forti di solitudine, di angoscia esistenziale, di illusoria ricerca di ordine e armonia nel lavoro del danese Vilhelm Hammershøi, pittore riservato e reticente all’eccesso. Introspettivo, malinconico, misterioso e come ne ebbe a dire Rilke «Lungo e lento, ma in qualsiasi momento lo si colga esso mostrerà sempre ciò che è importante e essenziale nell’arte».

 

«Scelgo un tema per le sue linee – scriveva – per ciò che io chiamo il contenuto architettonico di un’immagine».La luce non aveva bisogno di molto colore «perché – sosteneva – il miglior effetto in un dipinto si ottiene con il minor colore possibile». Di qui le sue tinte scarne, le delicate variazioni di bianchi e di grigi, di uno spazio ermeticamente chiuso e di un vuoto inquietante.

National Geographic – Daily Travel Photo, il meglio del 2015.

San Fermin Running of the Bulls 2015 - Day 1
PAMPLONA, SPAIN – JULY 06: Revellers enjoy the atmosphere during the opening day or ‘Chupinazo’ of the San Fermin Running of the Bulls fiesta on July 6, 2015 in Pamplona, Spain. The annual Fiesta de San Fermin, made famous by the 1926 novel of US writer Ernest Hemmingway entitled ‘The Sun Also Rises’, involves the daily running of the bulls through the historic heart of Pamplona to the bull ring. (Photo by David Ramos/Getty Images)
River in the Land of Fire and Ice
Volcanic silt creates amazing patterns as glacial waters merge in this river delta in Iceland’s south. Aerial image, colors are natural (no photoshop).
Binche festival carnival in Belgium Brussels
Belgium, carnaval of Binche. UNESCO World Heritage Parade Festival. Belgium, Walloon Municipality, province of Hainaut, village of Binche.
Dancers hold their masks as they pose for pictures after taking part in the day long village festival of Chhau, at Malti village in Purulia
Dancers hold their masks as they pose for pictures after taking part in the day long village festival of Chhau, at Malti village in Purulia district, in the eastern Indian state of West Bengal January 31, 2015. Chhau is a traditional folk dance which involves singing, dancing and drama, and is performed to celebrate the successful harvest during springtime, according to the villagers. Picture taken January 31, 2015. REUTERS/Rupak De Chowdhuri (INDIA – Tags: SOCIETY TPX IMAGES OF THE DAY) – RTR4NR4K
The Call of Wildness
This is one of the reason I planed my trip to Mt. Rainier NP, July 2014. To visit Devil Pipe Organ, it will be a 12 miles round day-hike. However it totally worth it.The columnar lava is huge and grace. Stand below them, you will hear the whispers of their secrets in the past thousands of years.
A street in Havana, with its dilapidated but architecturally rich buildings, and vintage American cars.
A street in Havana, with its dilapidated but architecturally rich buildings, and vintage American cars, Dec. 21, 2014. (The New York Times)
Fisher man tools transporter
Fisher man tools transporter, Hung Yen, Viet Nam
colorful siti khadijah market
Siti Khadijah market is mostly run by women. Various good sold there
Young Eel Fishing Peaks In Tokushima
TOKUSHIMA, JAPAN – FEBRUARY 21: (CHINA OUT, SOUTH KOREA OUT) Fish collecting lamps of young eel fishing boats are seen on the Yoshino River on February 21, 2015 in Tokushima, Japan. Fishermen scoop approximately 5 centimetres young eels which gather to lamps. Eels are collected and raised as farming facilities. (Photo by The Asahi Shimbun via Getty Images)
Frosted landscape along Tangled Creek in Yellowstone National Park.
13 Jan 2015 — Frosty morning along Tangled Creek. Lower Geyser Basin, Yellowstone National Park. — Image by © Jeff Vanuga/Corbis
People cool off at a water park in Nanjing
People cool off at a water park, in Nanjing, Jiangsu province, August 1, 2015. Temperature hit 35 degrees Celsius (95 degrees Fahrenheit) in Nanjing on Saturday. Picture taken August 1, 2015. REUTERS/China Daily CHINA OUT. NO COMMERCIAL OR EDITORIAL SALES IN CHINA TPX IMAGES OF THE DAY – RTX1MQ3Y
Tsaatan people, Mongolia
___If you want to see more of my work, be welcome on my website http://www.parcheminsdailleurs.com ___Tsaatan people, reindeer herders tribes, live in the forest near Khovsgol lake, Northern Mongolia. Meeting them after several days of horseriding through the desertic taÔga and snow at times was unforgettable. Picture taken in 2014.
France, Reunion Island, Parc National de la Reunion (National Park of la Reunion), listed as World Heritage by UNESCO, Saint Benoit, Grand Etang, natural landscape of a lake surrounded by mountains under a stormy sky
02 Dec 2013, St.-Benoit — France, Reunion Island, Parc National de la Reunion (National Park of la Reunion), listed as World Heritage by UNESCO, Saint Benoit, Grand Etang, natural landscape of a lake surrounded by mountains under a stormy sky — Image by © SPANI Arnaud/Hemis/Corbis
Ice web
The photo was taken at ice skating journey on lake Baikal, Russia. Baikal in winter becomes the biggest ice rink in the world, fully covered with small and huge cracks, resembling spider’s web. We enjoyed more than 300 kilometers of smooth (and sometimes rough) ice, skating from Listvyanka to Khuzhir whithin less than two weeks. On the photo you can see small figures of skaters dragging loaded sledges behind.
Snow in Bern
epaselect epa04542318 Snow covers the roofs of houses in the city of Bern, Switzerland, 29 December 2014. EPA/PETER KLAUNZER ONE TIME USE ONLY.
NGS Picture ID:1915365
Aerials of Southern Alps, Fox Glacier, Mt. Cook and Mt. Tasman,Westland NP., and Mt. Cook NP.
A Journey to the Navajo Nation -- Modern Day Life in the Navajo Community
Highlighted by a hole in the clouds, Spider Rock stands out from the surroundings at Canyon de Chelly National Monument in eastern Arizona. The park, still populated by Navajo farms and ranches, requires a Navajo guide for access to most of the canyon bottom. (Kevin Moloney for the New York Times)
Holi Celebration In Bangladesh
Bangladeshi Hindu devotees are celebrating Holi Festival in Shakhari Bazar, Dhaka, Bangladesh, 6 March 2015. Holi is known as the festival of colors, celebrated at the end of the winter season on the last full moon day of the lunar month. The festival signifies the victory of good over evil.
Torred del Paine
Torres Del Paine, Chilean Patagonia The famous Torres Del Paine centerpiece ó Cuernos del Paine. This was the early morning sun hits the face of the mountain, and the dark stormy clouds glows and popes up!
Hongni tribeswoman
Ethiopia southern red tribe woman portrait

Eduard Bloch, il medico ebreo della famiglia Hitler

N9UlanR

Bloch curò la madre di Hitler,  Klara Pölzl, alla quale fu diagnosticato un cancro al seno. La donna morì il 21 dicembre 1907 dopo intense sofferenze per lenire le quali Bloch stesso le somministrava quotidianamente dei farmaci.A causa della situazione economica disagiate della famiglia di Hitler,  Bloch non si faceva pagare. Nel 1937 parlò di lui e lo chiamò un “Edeljude” (ebreo nobile). Nel 1938 Bloch scrisse una lettera a Hitler in cui chiese aiuto e quindi fu messo sotto protezione speciale dalla Gestapo: era l’unico ebreo a Linz con tale privilegio.Bloch rimase nella sua casa fino a che le formalità per la sua emigrazione non furono completate. Nel 1940 emigrò negli USA.

testim

Malgrado l’affetto evidente di Hitler verso Bloch, lo storico Rudolph Binion, coadiuvato da approfondite ricerche psicoanalitiche, ritiene che questo rapporto sia stato un fattore inconscio determinante all’antisemitismo di Hitler che successivamente provocò l’Olocausto.

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi

Foto: jay satriani

Foto: jay satriani 

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi – Cesare Pavese

Verrà la morte e avrà i tuoi occhi-
questa morte che ci accompagna
dal mattino alla sera, insonne,
sorda, come un vecchio rimorso
o un vizio assurdo. I tuoi occhi
saranno una vana parola,
un grido taciuto, un silenzio.
Così li vedi ogni mattina
quando su te sola ti pieghi
nello specchio. O cara speranza,
quel giorno sapremo anche noi
che sei la vita e sei il nulla

Per tutti la morte ha uno sguardo.
Verrà la morte e avrà i tuoi occhi.
Sarà come smettere un vizio,
come vedere nello specchio
riemergere un viso morto,
come ascoltare un labbro chiuso.
Scenderemo nel gorgo muti.

*Composta il 22 marzo 1950  annuncia il suicidio dello scrittore avvenuto  il 27 agosto dello stesso anno.
Foto personale
Foto personale

Invenzioni utilissime che dobbiamo alla Prima Guerra Mondiale

 

 

 

Invenzioni_Prima_Guerra_Mondiale_11

Gli assorbenti

Già prima della guerra la Kimberly-Clark, una piccola azienda statunitense, aveva scoperto, durante un viaggio tra le cartiere di Germania, Austria e Scandinavia, un materiale cinque volte più assorbente del cotone e molto più economico da produrre. Il nuovo tessuto, ribattezzato Cellucotton, fu esportato negli USA e utilizzato per produrre bende chirurgiche per gli ospedali da campo di guerra.

Ma le infermiere che vi lavoravano scoprirono anche un secondo uso del materiale e iniziarono a usare i ritagli avanzati come assorbenti. Al termine del conflitto il business dei tessuti chirurgici cessò e l’azienda riconvertì la sua attività iniziando a produrre il suo marchio di maggior successo: Kotex, venduto per la prima volta al pubblico nel 1920.

Invenzioni_Prima_Guerra_Mondiale_12

 

I Kleenex

La loro invenzione è collegata a quella degli assorbenti: viste le resistenze che inizialmente i Kotex incontrarono sul mercato, la Kimberly-Clark cominciò a cercare altri modi per commercializzare il Cellucotton. Nel 1920 Bert Fourness, un dipendente della compagnia, scoprì che stirando i fogli di cellullosa si ottenevano dei fazzoletti abbastanza morbidi da poter essere usati per il viso. Nel 1924 i primi fazzoletti usa e getta vennero commercializzati con il nome Kleenex.

NOVAK POWER THE EDDY DUCHIN STORY

Le cerniere lampo

Le zip furono inventate negli Stati Uniti da Gideon Sundback, un immigrato svedese che lavorava per la Universal Fastener Company. L’esercito americano le adottò subito per le sue uniformi e stivali e, dopo la guerra, le lampo cominciarono a essere prodotte e usate anche in ambito civile.

th_99398745.900x600

 

L’orologio da polso

Gli orologi da polso non furono inventati durante la guerra, ma fu questo il momento in cui cominciarono a essere usati dalla maggioranza delle persone. I soldati dovevano poter conoscere l’ora per potersi organizzare ma avevano anche bisogno di avere entrambe le mani libere per poter combattere. Durante la Prima Guerra Mondiale, inoltre, la fanteria doveva sincronizzare i suoi attacchi con quelli dell’artiglieria e gli orologi diventarono fondamentali. Si stima che nel 1916 un soldato su quattro indossasse un orologio da polso.