Macerata- Good Night, and Good Luck

Dice che in America il faro della democrazia e sull’eventuale malaffare politico è rappresentato, ininterrottamente da 200 anni, dalla stampa libera. Bene, sto ancora aspettando un giornale italiano, uno solo, che scriva delle similitudini di attacco( sebbene ridimensionato) tra Macerata, Londra, Bruxelles, Parigi. Sto ancora aspettando un politico italiano, uno solo, che chiami le cose col proprio nome, senza eufemismi o arzigogoli para linguistici. Nel frattempo, tuttavia, si assiste a un lungo, inesorabile processo di dissolvenza dell’italica cultura.
“Good Night, and Good Luck”, diceva Edward R. Murrow mentre spulciava e sputtanava pubblicamente le liste di proscrizione dei simpatizzanti filo-comunisti preparate durante la caccia alle streghe del maccartismo. Sto ancora aspettando Murrow.

zMqpk5rW5XKbDgPRRAbN_1082046460

Eduard Bloch, il medico ebreo della famiglia Hitler

N9UlanR

Bloch curò la madre di Hitler,  Klara Pölzl, alla quale fu diagnosticato un cancro al seno. La donna morì il 21 dicembre 1907 dopo intense sofferenze per lenire le quali Bloch stesso le somministrava quotidianamente dei farmaci.A causa della situazione economica disagiate della famiglia di Hitler,  Bloch non si faceva pagare. Nel 1937 parlò di lui e lo chiamò un “Edeljude” (ebreo nobile). Nel 1938 Bloch scrisse una lettera a Hitler in cui chiese aiuto e quindi fu messo sotto protezione speciale dalla Gestapo: era l’unico ebreo a Linz con tale privilegio.Bloch rimase nella sua casa fino a che le formalità per la sua emigrazione non furono completate. Nel 1940 emigrò negli USA.

testim

Malgrado l’affetto evidente di Hitler verso Bloch, lo storico Rudolph Binion, coadiuvato da approfondite ricerche psicoanalitiche, ritiene che questo rapporto sia stato un fattore inconscio determinante all’antisemitismo di Hitler che successivamente provocò l’Olocausto.

Stalin non era Stalin

Felix Dadaev il sosia di Stalin (a sinistra) e il vero Joseph Stalin (a destra)

stalin sosia stalin sosia2

Felix Dadaev, ex ballerino e giocoliere,  è stato assoldato dal Cremlino per impersonare Stalin. Per più di mezzo secolo è rimasto in silenzio temendo una condanna a morte. Nel 2008, all’età di 88, e con l’apparente approvazione del regime di Putin,  è riuscito a pubblicare la sua autobiografia.

Dadaev era giovanissimo quando nel 1942 rimase ferito durante la liberazione di Grozny da parte dei russi. Era così malconcio che venne buttato in mezzo ai cadaveri prima che qualcuno si accorgesse che respirava ancora. Un ufficiale notò la sua straordinaria somiglianza con Stalin e per Dadaev, appena morto e risorto, cominciò una nuova vita. Dopo avere visto centinaia di filmati, provato e riprovato migliaia di volte l’andatura e le pose di Stalin e persino il suo modo di parlare, Dadaev fu portato all’esame finale: la visita al Cremlino dal generale Vlasik, capo della sicurezza personale del dittatore. «Restò stupefatto dalla somiglianza – racconta Dadaev -. Osservò la divisa, il braccio sinistro piegato, gli stivali. Mi chiese di camminare e di parlare». «Era importante – racconta – fare attenzione alla cadenza dei passi. Stalin si muoveva in modo marziale tra la gente, ma nelle riunioni con i collaboratori camminava lentamente e con aria pensosa».

“Con il tempo il make-up e la mia formazione erano completi, ero come lui in ogni modo, tranne forse per le orecchie. Erano troppo piccole”

WINART-31862_yalta01g

La più grande missione di Dadaev  è stata di volare a Yalta per la famosa conferenza nel febbraio del 1945.Il volo di Stalin è stato tenuto top secret, mentre quello di Dadaev enormemente pubblicizzato. “Due voli sono stati organizzati, con uno di loro finalizzato a distrarre l’attenzione di tutti” – ” Stalin era già a Yalta.«Ma non ha funzionato. Infatti due tentativi sono stati fatti a Yalta per uccidere il vero Stalin. La nostra Intelligence  non è riuscita a fermarli e  sette funzionari dell’ intelligence di alto rango hanno perso i loro posti.”

“Mamma li turchi…”, squallido e razzista.

Vf2Vfkl

Mustafa Kemal Atatürk  è stato un militare e politico turco, fondatore e primo presidente della Repubblica Turca nel 1923. E’ considerato l’eroe nazionale turco. Nella foto con la figlia adottiva, Ülkü Adatepe, c. 1936. L’Italia è repubblica dal ’46 e la prima legge sull’adozione è del maggio 1983. Così tanto per avere un raffronto immediato.

L’italiano è una lingua straniera, in Italia.

Senato – Ddl Riforme Costituzionali, protesta della Lega Nord.

Foto Roberto Monaldo / LaPresse31-07-2014 Roma (Italia) PoliticaSenato - ddl Riforme Costituzionali Nella foto Protesta della Lega NordPhoto Roberto Monaldo / LaPresse31-07-2014 Rome (Italy)Senate - Constitutional Reforms In the photo.
Foto Roberto Monaldo / LaPresse31-07-2014 Roma (Italia) PoliticaSenato – ddl Riforme Costituzionali Nella foto Protesta della Lega NordPhoto Roberto Monaldo / LaPresse31-07-2014 Rome (Italy)Senate – Constitutional Reforms In the photo.

L’atavica, dubbia morale americana.

Il barone Wernher Magnus Maximilian von Braun ( foto) fu l’ideatore del disegno e della realizzazione dei razzi V-2 che colpirono Londra nel corso del secondo conflitto mondiale. Causando  2.754 morti e 6.523 feriti.VB3

 

La produzione dei V-2  ebbe luogo nei sotterranei di una fabbrica del campo di concentramento di Mittelbau-Dora, dove i lavoratori erano prigionieri ridotti in schiavitù. La fabbrica era diretta dalle SS e ‘indebolimento della manodopera causato dal massacrante lavoro nel campo di concentramento provocò, si stima, almeno 20.000 morti tra coloro che lavorarono al progetto.

2

1

 

Alla fine della guerra si consegnò agli americani e divenne il capostipite del programma spaziale USA. Negli anni di collaborazione con la NASA, fu direttore del nuovo Marshall Space Flight Center nonché progettista del veicolo di lancio Saturn V, il superpropulsore che portò la missione Apollo sulla luna nel 1969, il vero coronamento di tutta la sua opera scientifica. Nel 1975 ricevette la National Medal of Science.

Ap11-KSC-69P-632

Evviva il progresso, a tutti i costi!