Macerata- Good Night, and Good Luck

Dice che in America il faro della democrazia e sull’eventuale malaffare politico è rappresentato, ininterrottamente da 200 anni, dalla stampa libera. Bene, sto ancora aspettando un giornale italiano, uno solo, che scriva delle similitudini di attacco( sebbene ridimensionato) tra Macerata, Londra, Bruxelles, Parigi. Sto ancora aspettando un politico italiano, uno solo, che chiami le cose col proprio nome, senza eufemismi o arzigogoli para linguistici. Nel frattempo, tuttavia, si assiste a un lungo, inesorabile processo di dissolvenza dell’italica cultura.
“Good Night, and Good Luck”, diceva Edward R. Murrow mentre spulciava e sputtanava pubblicamente le liste di proscrizione dei simpatizzanti filo-comunisti preparate durante la caccia alle streghe del maccartismo. Sto ancora aspettando Murrow.

zMqpk5rW5XKbDgPRRAbN_1082046460

Le origini etniche della bellezza

” Le origini etniche della bellezza ” è un progetto fotografico di Natalia Ivanova, un fotoreporter russo . Documenta  con affascinante  originalità “la diversità etnica del genere umano, attraverso la bellezza delle donne di tutte le etnie del mondo.”

the-ethnic-origins-of-beauty-women-around-the-world-natalia-ivanova-1

“L’obiettivo di questo progetto è quello di mostrare la vera scala della diversità etnico-culturale in modo completo, sistematico e creativo; per illustrare i tratti distintivi di ogni etnia, per quanto piccoli essi siano, e qualunque sia il loro status ufficiale. ”

Senza confini o limiti ma con un unico filo conduttore: la bellezza femminile.

the-ethnic-origins-of-beauty-women-around-the-world-natalia-ivanova-5the-ethnic-origins-of-beauty-women-around-the-world-natalia-ivanova-6the-ethnic-origins-of-beauty-women-around-the-world-natalia-ivanova-7the-ethnic-origins-of-beauty-women-around-the-world-natalia-ivanova-8the-ethnic-origins-of-beauty-women-around-the-world-natalia-ivanova-9the-ethnic-origins-of-beauty-women-around-the-world-natalia-ivanova-11the-ethnic-origins-of-beauty-women-around-the-world-natalia-ivanova-13

16081387

Sublime!

L’ultimo bacio.

Ci sono cose da fare ogni giorno:
lavarsi, studiare, giocare,
preparare la tavola,
a mezzogiorno.

Ci sono cose da fare di notte:
chiudere gli occhi, dormire,
avere sogni da sognare,
orecchie per non sentire.

Ci sono cose da non fare mai,
né di giorno né di notte,
né per mare né per terra:
per esempio, la guerra
(Gianni Rodari)

 

 

 

vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_05vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_02vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_15vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_16vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_25vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_29vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_08vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_33vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_43vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_11 - Copiavintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_47vintage_black_and_white_photos_about_love_during_wartime_640_14

Porgete attente

l’orecchie; e il fato,

che vi sta sopra, o re fanciulli, udite.

Dell’innocente

sangue versato

in scellerata guerra

conta il cielo le stille, e le schernite

lagrime tutte della stanca terra.

(Vincenzo Monti)

 

 

Dipingere il silenzio Vilhelm Hammershøi

 

Vilhelm Hammershøi *oil on canvas  *33.4 x 28.2 cm
Vilhelm Hammershøi

Il pittore delle stanze vuote, del fluire silenzioso della vita, dello scorrere malinconico e inesorabile del tempo, dal mistero di una porta aperta, di una finestra, di un angolo di luce fredda, di una figura ritratta rigorosamente di spalle.

Immagini forti di solitudine, di angoscia esistenziale, di illusoria ricerca di ordine e armonia nel lavoro del danese Vilhelm Hammershøi, pittore riservato e reticente all’eccesso. Introspettivo, malinconico, misterioso e come ne ebbe a dire Rilke «Lungo e lento, ma in qualsiasi momento lo si colga esso mostrerà sempre ciò che è importante e essenziale nell’arte».

 

«Scelgo un tema per le sue linee – scriveva – per ciò che io chiamo il contenuto architettonico di un’immagine».La luce non aveva bisogno di molto colore «perché – sosteneva – il miglior effetto in un dipinto si ottiene con il minor colore possibile». Di qui le sue tinte scarne, le delicate variazioni di bianchi e di grigi, di uno spazio ermeticamente chiuso e di un vuoto inquietante.

National Geographic – Daily Travel Photo, il meglio del 2015.

San Fermin Running of the Bulls 2015 - Day 1
PAMPLONA, SPAIN – JULY 06: Revellers enjoy the atmosphere during the opening day or ‘Chupinazo’ of the San Fermin Running of the Bulls fiesta on July 6, 2015 in Pamplona, Spain. The annual Fiesta de San Fermin, made famous by the 1926 novel of US writer Ernest Hemmingway entitled ‘The Sun Also Rises’, involves the daily running of the bulls through the historic heart of Pamplona to the bull ring. (Photo by David Ramos/Getty Images)
River in the Land of Fire and Ice
Volcanic silt creates amazing patterns as glacial waters merge in this river delta in Iceland’s south. Aerial image, colors are natural (no photoshop).
Binche festival carnival in Belgium Brussels
Belgium, carnaval of Binche. UNESCO World Heritage Parade Festival. Belgium, Walloon Municipality, province of Hainaut, village of Binche.
Dancers hold their masks as they pose for pictures after taking part in the day long village festival of Chhau, at Malti village in Purulia
Dancers hold their masks as they pose for pictures after taking part in the day long village festival of Chhau, at Malti village in Purulia district, in the eastern Indian state of West Bengal January 31, 2015. Chhau is a traditional folk dance which involves singing, dancing and drama, and is performed to celebrate the successful harvest during springtime, according to the villagers. Picture taken January 31, 2015. REUTERS/Rupak De Chowdhuri (INDIA – Tags: SOCIETY TPX IMAGES OF THE DAY) – RTR4NR4K
The Call of Wildness
This is one of the reason I planed my trip to Mt. Rainier NP, July 2014. To visit Devil Pipe Organ, it will be a 12 miles round day-hike. However it totally worth it.The columnar lava is huge and grace. Stand below them, you will hear the whispers of their secrets in the past thousands of years.
A street in Havana, with its dilapidated but architecturally rich buildings, and vintage American cars.
A street in Havana, with its dilapidated but architecturally rich buildings, and vintage American cars, Dec. 21, 2014. (The New York Times)
Fisher man tools transporter
Fisher man tools transporter, Hung Yen, Viet Nam
colorful siti khadijah market
Siti Khadijah market is mostly run by women. Various good sold there
Young Eel Fishing Peaks In Tokushima
TOKUSHIMA, JAPAN – FEBRUARY 21: (CHINA OUT, SOUTH KOREA OUT) Fish collecting lamps of young eel fishing boats are seen on the Yoshino River on February 21, 2015 in Tokushima, Japan. Fishermen scoop approximately 5 centimetres young eels which gather to lamps. Eels are collected and raised as farming facilities. (Photo by The Asahi Shimbun via Getty Images)
Frosted landscape along Tangled Creek in Yellowstone National Park.
13 Jan 2015 — Frosty morning along Tangled Creek. Lower Geyser Basin, Yellowstone National Park. — Image by © Jeff Vanuga/Corbis
People cool off at a water park in Nanjing
People cool off at a water park, in Nanjing, Jiangsu province, August 1, 2015. Temperature hit 35 degrees Celsius (95 degrees Fahrenheit) in Nanjing on Saturday. Picture taken August 1, 2015. REUTERS/China Daily CHINA OUT. NO COMMERCIAL OR EDITORIAL SALES IN CHINA TPX IMAGES OF THE DAY – RTX1MQ3Y
Tsaatan people, Mongolia
___If you want to see more of my work, be welcome on my website http://www.parcheminsdailleurs.com ___Tsaatan people, reindeer herders tribes, live in the forest near Khovsgol lake, Northern Mongolia. Meeting them after several days of horseriding through the desertic taÔga and snow at times was unforgettable. Picture taken in 2014.
France, Reunion Island, Parc National de la Reunion (National Park of la Reunion), listed as World Heritage by UNESCO, Saint Benoit, Grand Etang, natural landscape of a lake surrounded by mountains under a stormy sky
02 Dec 2013, St.-Benoit — France, Reunion Island, Parc National de la Reunion (National Park of la Reunion), listed as World Heritage by UNESCO, Saint Benoit, Grand Etang, natural landscape of a lake surrounded by mountains under a stormy sky — Image by © SPANI Arnaud/Hemis/Corbis
Ice web
The photo was taken at ice skating journey on lake Baikal, Russia. Baikal in winter becomes the biggest ice rink in the world, fully covered with small and huge cracks, resembling spider’s web. We enjoyed more than 300 kilometers of smooth (and sometimes rough) ice, skating from Listvyanka to Khuzhir whithin less than two weeks. On the photo you can see small figures of skaters dragging loaded sledges behind.
Snow in Bern
epaselect epa04542318 Snow covers the roofs of houses in the city of Bern, Switzerland, 29 December 2014. EPA/PETER KLAUNZER ONE TIME USE ONLY.
NGS Picture ID:1915365
Aerials of Southern Alps, Fox Glacier, Mt. Cook and Mt. Tasman,Westland NP., and Mt. Cook NP.
A Journey to the Navajo Nation -- Modern Day Life in the Navajo Community
Highlighted by a hole in the clouds, Spider Rock stands out from the surroundings at Canyon de Chelly National Monument in eastern Arizona. The park, still populated by Navajo farms and ranches, requires a Navajo guide for access to most of the canyon bottom. (Kevin Moloney for the New York Times)
Holi Celebration In Bangladesh
Bangladeshi Hindu devotees are celebrating Holi Festival in Shakhari Bazar, Dhaka, Bangladesh, 6 March 2015. Holi is known as the festival of colors, celebrated at the end of the winter season on the last full moon day of the lunar month. The festival signifies the victory of good over evil.
Torred del Paine
Torres Del Paine, Chilean Patagonia The famous Torres Del Paine centerpiece ó Cuernos del Paine. This was the early morning sun hits the face of the mountain, and the dark stormy clouds glows and popes up!
Hongni tribeswoman
Ethiopia southern red tribe woman portrait

Il dottor Eugene Lazowski e la falsa epidemia di tifo che salvò 8000 ebrei polacchi.

2b

Eugene Lazowski era un medico polacco della seconda guerra mondiale. Un uomo come tanti: cattolico, una moglie, dei figli, un cane e un lavoro per la Croce Rossa nella città di Rozwadow (villaggio del sud-est polacco dove viveva una numerosa comunità ebraica). Aveva anche un amico, il dottor Stanisław Matulewicz, il quale fin dai tempi dell’Università,  aveva scoperto che iniettando a una persona sana un “vaccino” di batteri ‘inattivi’, quella persona sarebbe risultata positiva al  test  del  febbre tifoide senza sperimentarne né i sintomi né le mortali conseguenze. Così, semplicemente, maturano un piano per salvare dallo sterminio nazista una dozzina di villaggi nelle vicinanze di Rozwadów:  ‘infettare’ più gente possibile, ebrei e non, di età e condizione sociale diversa, nel minor tempo possibile. Funziona! Il Terzo Reich mette in quarantena tutta la regione.3

Un piano perfetto che è riuscito a salvare la vita di 8.000 polacchi, la maggior parte dei quali ebrei.

 Un idea semplice ma ardita ed eroica di due uomini che la storia, almeno quella ufficiale, si è semplicemente dimenticata.

Eduard Bloch, il medico ebreo della famiglia Hitler

N9UlanR

Bloch curò la madre di Hitler,  Klara Pölzl, alla quale fu diagnosticato un cancro al seno. La donna morì il 21 dicembre 1907 dopo intense sofferenze per lenire le quali Bloch stesso le somministrava quotidianamente dei farmaci.A causa della situazione economica disagiate della famiglia di Hitler,  Bloch non si faceva pagare. Nel 1937 parlò di lui e lo chiamò un “Edeljude” (ebreo nobile). Nel 1938 Bloch scrisse una lettera a Hitler in cui chiese aiuto e quindi fu messo sotto protezione speciale dalla Gestapo: era l’unico ebreo a Linz con tale privilegio.Bloch rimase nella sua casa fino a che le formalità per la sua emigrazione non furono completate. Nel 1940 emigrò negli USA.

testim

Malgrado l’affetto evidente di Hitler verso Bloch, lo storico Rudolph Binion, coadiuvato da approfondite ricerche psicoanalitiche, ritiene che questo rapporto sia stato un fattore inconscio determinante all’antisemitismo di Hitler che successivamente provocò l’Olocausto.

Il telegramma Zimmermann,il vile messaggio che portò gli Stati Uniti in guerra

Il Telegramma Zimmermann, come venne mandato in Messico, dall'ambasciatore tedesco a Washington. Ogni parola era cifrata in un numero a quattro o cinque cifre, usando un cifrario.
Il Telegramma Zimmermann, come venne mandato in Messico, dall’ambasciatore tedesco a Washington. Ogni parola era cifrata in un numero a quattro o cinque cifre, usando un cifrario.

La causa “vera” dell’entrata in guerra degli americani, nella Prima Guerra mondiale, non è stata l’affondamento da parte di un sommergibile tedesco del transatlantico inglese Lusitania, dove perirono 123 cittadini statunitensi, affondata nel 1915, mentre gli USA entrarono in guerra nel 1917. Entrarono in guerra in reazione alla faccenda del “telegramma Zimmermann”.

Il telegramma è un documento inviato via telegrafo il 16 gennaio 1917, al culmine della prima guerra mondiale, dal Ministro degli Esteri dell’Impero tedesco, Arthur Zimmermann, all’ambasciatore tedesco in Messico, Heinrich von Eckardt. In esso si istruiva l’ambasciatore tedesco ad approcciare il governo messicano con la proposta di formare un’alleanza contro gli Stati Uniti. Venne intercettato dai britannici e il suo contenuto accelerò l’ingresso in guerra degli USA.

Il messaggio comprendeva proposte per un’alleanza tedesca con il Messico, mentre la Germania avrebbe cercato di mantenere la neutralità con gli Stati Uniti. Se questa politica avesse dovuto fallire, veniva suggerito nel messaggio, il governo messicano avrebbe dovuto fare causa comune con la Germania, cercando di persuadere il governo giapponese ad unirsi alla nuova alleanza, ed attaccare gli USA. La Germania da parte sua prometteva supporto economico e la restituzione al Messico degli ex-territori di Texas, Nuovo Messico e Arizona (persi durante la Guerra Messicano-Americana del 1846-1848).

Il telegramma, completamente decifrato e tradotto.
Il telegramma, completamente decifrato e tradotto.

2° da Londra #5747
Abbiamo intenzione di cominciare il primo di febbraio una guerra sottomarina illimitata. Tenteremo però di far rimanere neutrali gli Stati Uniti d’America. Nel caso non riuscissimo, facciamo una proposta di alleanza al Messico sulle seguenti basi: condurre la guerra comunemente, siglare la pace comunemente, un generoso supporto finanziario e l’accettazione da parte nostra della riconquista messicana dei territori perduti del Texas, del Nuovo Messico e dell’Arizona. La discussione dei dettagli viene lasciata a voi. Informerete il Presidente di cui sopra nella maniera più segreta, non appena si profili la certezza della guerra contro gli Stati Uniti d’America, aggiungerete suggerimenti su vostra iniziativa, inviterete il Giappone ad un’adesione immediata ed allo stesso tempo farete da mediatore tra il Giappone e voi stessi. Per favore richiami l’attenzione del Presidente sul fatto che l’utilizzo illimitato dei nostri sottomarini ci offre la prospettiva di costringere l’Inghilterra a siglare la pace in pochi mesi. Firmato, Zimmermann
”.

Mappa che mostra il territorio messicano nel 1917 (verde scuro), con il territorio promesso al Messico da Zimmermann nel telegramma colorato in verde chiaro.
Mappa che mostra il territorio messicano nel 1917 (verde scuro), con il territorio promesso al Messico da Zimmermann nel telegramma colorato in verde chiaro.

Il 1º marzo, il governo statunitense diede una copia in chiaro del telegramma alla stampa. Inizialmente l’opinione pubblica statunitense credette che il telegramma fosse un falso, progettato per portare la nazione in guerra a fianco degli Alleati. Questa opinione venne rafforzata dai diplomatici tedeschi, giapponesi e messicani, e dai pacifisti e dalle lobby pro-germaniche degli Stati Uniti, che denunciarono all’unisono il telegramma come contraffatto.  Il 6 aprile il Congresso votò l’ingresso degli Stati Uniti nella prima guerra mondiale.

Stalin non era Stalin

Felix Dadaev il sosia di Stalin (a sinistra) e il vero Joseph Stalin (a destra)

stalin sosia stalin sosia2

Felix Dadaev, ex ballerino e giocoliere,  è stato assoldato dal Cremlino per impersonare Stalin. Per più di mezzo secolo è rimasto in silenzio temendo una condanna a morte. Nel 2008, all’età di 88, e con l’apparente approvazione del regime di Putin,  è riuscito a pubblicare la sua autobiografia.

Dadaev era giovanissimo quando nel 1942 rimase ferito durante la liberazione di Grozny da parte dei russi. Era così malconcio che venne buttato in mezzo ai cadaveri prima che qualcuno si accorgesse che respirava ancora. Un ufficiale notò la sua straordinaria somiglianza con Stalin e per Dadaev, appena morto e risorto, cominciò una nuova vita. Dopo avere visto centinaia di filmati, provato e riprovato migliaia di volte l’andatura e le pose di Stalin e persino il suo modo di parlare, Dadaev fu portato all’esame finale: la visita al Cremlino dal generale Vlasik, capo della sicurezza personale del dittatore. «Restò stupefatto dalla somiglianza – racconta Dadaev -. Osservò la divisa, il braccio sinistro piegato, gli stivali. Mi chiese di camminare e di parlare». «Era importante – racconta – fare attenzione alla cadenza dei passi. Stalin si muoveva in modo marziale tra la gente, ma nelle riunioni con i collaboratori camminava lentamente e con aria pensosa».

“Con il tempo il make-up e la mia formazione erano completi, ero come lui in ogni modo, tranne forse per le orecchie. Erano troppo piccole”

WINART-31862_yalta01g

La più grande missione di Dadaev  è stata di volare a Yalta per la famosa conferenza nel febbraio del 1945.Il volo di Stalin è stato tenuto top secret, mentre quello di Dadaev enormemente pubblicizzato. “Due voli sono stati organizzati, con uno di loro finalizzato a distrarre l’attenzione di tutti” – ” Stalin era già a Yalta.«Ma non ha funzionato. Infatti due tentativi sono stati fatti a Yalta per uccidere il vero Stalin. La nostra Intelligence  non è riuscita a fermarli e  sette funzionari dell’ intelligence di alto rango hanno perso i loro posti.”

Lettera di Gandhi a Hitler

Il 23 luglio del 1939, alla vigilia della seconda guerra mondiale, Gandhi scrisse questa lettera a Hitler, esortandolo  a ” scongiurare una guerra che può ridurre l’umanità allo stato selvaggio“.

LzDVSAR

“Caro amico,
alcuni amici mi hanno chiesto con insistenza di scriverle una lettera per il bene dell’umanità. Io ho resistito alla richiesta, a causa della sensazione che qualunque lettera da parte mia sarebbe stata interpretata come un atto di impertinenza.
Tuttavia, qualcosa mi spinge a fare lo stesso un tentativo, qualunque valore esso possa avere.E’ evidente che lei oggi è l’unica persona al mondo che possa scongiurare una guerra che potrebbe riportare l’umanità ad uno stato selvaggio. E’ disposto a pagare questo prezzo per raggiungere il suo obiettivo, qualunque valore questo obiettivo possa avere per lei? Ascolterà l’appello di uno che ha deliberatamente rinnegato il metodo della guerra, non senza considerevoli risultati?
In ogni caso le anticipo le mie scuse se in qualche modo ho sbagliato decidendo di scriverle.

Sinceramente vostro,
M. K. Gandhi”

Le parole del leader della non violenza non raggiunsero mai il destinatario, a causa di un intervento da parte del governo britannico. E poco più di un mese dopo, il mondo guardava con orrore l’invasione della Germania ai danni della Polonia che diede inizio alla Seconda Guerra Mondiale.