La macabra tradizione di epoca vittoriana: le foto post mortem.

Dopo l’avvento della fotografia la gente iniziò a farsi fotografare assieme ai defunti per avere un ricordo indelebile di essi. Gli studi fotografici dell’epoca si organizzarono di conseguenza, organizzando le pose delle foto post mortem.

wtf_oddities_from_the_past_03

wtf_oddities_from_the_past_06

Le foto post mortem furono particolarmente in voga nell’Epoca vittoriana, ove il tasso di mortalità infantile era molto elevato e non di rado le fotografie post mortem erano l’unica foto che i genitori avevano dei loro figli.

709871298549051tintype zezr10

Questo aspetto spiegherebbe perché i soggetti siano per lo più ritratti come se ancora fossero in vita; con gli occhi aperti, o così dipinti, o addirittura impegnati in piccole attività quotidiane. La successiva invenzione delle carte da visite, cioè delle foto-ritratto che consentivano di stampare più copie da un unico negativo, permise che le immagini fossero inviate ai parenti in ricordo dei defunti.(testo: wikipedia)

Cartoline dall’inferno

Teoricamente  il linciaggio è un atto considerato fuori  legge e gli stati condannano penalmente gli autori.Il  gesto  scaturisce in una comunità quando  si suppone di scoprire un delitto che ha colpito un suo membro. Ma  trova motivazioni profonde  nel razzismo, nella religione, nella politica. Motivazioni deliranti,assurde,bizzarre che hanno lo scopo di sublimare o tentare di sublimare la merda mentale degli autori. E, notavo, c’è sempre gente che ride soddisfatta.

LA SCHIAVITÙ MODERNA IN ARABIA SAUDITA – VIDEO CHOC

[ Preciso che sono stato molto combattuto se postare questo video poiché contiene immagini molto crude e  violente. Alla fine ho deciso che il diritto all’informazione e alla conoscenza può e deve modificare il mondo! ]

In paesi del Golfo come Arabia, Emirati Arabi, Oman, Kuwait, Qatar  molti lavoratori stranieri sono attirati dalle promesse di alti stipendi ma sono  intrappolati dal “datore di lavoro” che  requisisce i loro documenti di viaggio. Diventa ben presto una vera schiavitù. In questo terribile video un operaio della città (molti sono indiani o bengalesi) viene brutalizzato perché  sospettato di  guardare una delle  mogli dell’hareem.

[ Il video contiene immagini molto violente, astenersi se minorenni o persone sensibili ]

 Il video inizia con l’uomo che chiede se la vittima  tornerà  a pulire intorno alla loro proprietà.

Risposta: no

Hai  rubato un telefono cellulare.

 Risposta: no

Gli chiedono se ha parlato con una delle loro mogli.

 Risposta: no

IL ragazzo, dopo tutte quelle torture li  prega di lasciarlo morire.

Reagiscono deridendo  la sua richiesta  massacrandolo con una frusta. 

BRASILE CHOC – VICEMINISTRO BAHIA SPARA SU CONTADINI ( FOTO)

Salvador de Bahia (Brasile)11 set. – Ari Pereira, sottosegretario alla Sicurezza pubblica dello stato di Bahia, nel nord-est del Brasile, ha sparato tre colpi di pistola contro un gruppo di manifestanti che cercavano di entrare nei locali del ministero. Nella foto si vede chiaramente come il funzionario politico punti l’arma da fuoco contro i manifestanti, che si trovavano nell’atrio dell’edificio. Fortunatamente nessuno è rimasto ferito. I manifestanti,  militanti del Movimento dei contadini senza terra (Mst), protestavano contro il ritardo nelle indagini che avrebbero dovuto far luce sull’uccisione ad aprile di Fabio Santos, un leader del movimento.

E meno male che si tratta del “Sottosegretario alla Sicurezza pubblica” .