Charles Baudelaire, Correspondences.

Gene Dominique
Foto Gene Dominique

 Corrispondenze

E’ un tempio la Natura ove viventi
pilastri a volte confuse parole
mandano fuori; la attraversa l’uomo
tra foreste di simboli dagli occhi
familiari. I profumi e i colori
e i suoni si rispondono come echi
lunghi che di lontano si confondono
in unità profonda e tenebrosa,
vasta come la notte ed il chiarore.

Esistono profumi freschi come
carni di bimbo, dolci come gli òboi,
e verdi come praterie; e degli altri
corrotti, ricchi e trionfanti, che hanno
l’espansione propria alle infinite
cose, come l’incenso, l’ambra, il muschio,
il benzoino, e cantano dei sensi
e dell’anima i lunghi rapimenti.

Charles Baudelaire

Da I fiori del male, Les Fleurs Du Mal, 1857
Traduzione di Luigi De Nardis, Milano, Feltrinelli, 1964

National Geographic – Daily Travel Photo, il meglio del 2015.

San Fermin Running of the Bulls 2015 - Day 1
PAMPLONA, SPAIN – JULY 06: Revellers enjoy the atmosphere during the opening day or ‘Chupinazo’ of the San Fermin Running of the Bulls fiesta on July 6, 2015 in Pamplona, Spain. The annual Fiesta de San Fermin, made famous by the 1926 novel of US writer Ernest Hemmingway entitled ‘The Sun Also Rises’, involves the daily running of the bulls through the historic heart of Pamplona to the bull ring. (Photo by David Ramos/Getty Images)
River in the Land of Fire and Ice
Volcanic silt creates amazing patterns as glacial waters merge in this river delta in Iceland’s south. Aerial image, colors are natural (no photoshop).
Binche festival carnival in Belgium Brussels
Belgium, carnaval of Binche. UNESCO World Heritage Parade Festival. Belgium, Walloon Municipality, province of Hainaut, village of Binche.
Dancers hold their masks as they pose for pictures after taking part in the day long village festival of Chhau, at Malti village in Purulia
Dancers hold their masks as they pose for pictures after taking part in the day long village festival of Chhau, at Malti village in Purulia district, in the eastern Indian state of West Bengal January 31, 2015. Chhau is a traditional folk dance which involves singing, dancing and drama, and is performed to celebrate the successful harvest during springtime, according to the villagers. Picture taken January 31, 2015. REUTERS/Rupak De Chowdhuri (INDIA – Tags: SOCIETY TPX IMAGES OF THE DAY) – RTR4NR4K
The Call of Wildness
This is one of the reason I planed my trip to Mt. Rainier NP, July 2014. To visit Devil Pipe Organ, it will be a 12 miles round day-hike. However it totally worth it.The columnar lava is huge and grace. Stand below them, you will hear the whispers of their secrets in the past thousands of years.
A street in Havana, with its dilapidated but architecturally rich buildings, and vintage American cars.
A street in Havana, with its dilapidated but architecturally rich buildings, and vintage American cars, Dec. 21, 2014. (The New York Times)
Fisher man tools transporter
Fisher man tools transporter, Hung Yen, Viet Nam
colorful siti khadijah market
Siti Khadijah market is mostly run by women. Various good sold there
Young Eel Fishing Peaks In Tokushima
TOKUSHIMA, JAPAN – FEBRUARY 21: (CHINA OUT, SOUTH KOREA OUT) Fish collecting lamps of young eel fishing boats are seen on the Yoshino River on February 21, 2015 in Tokushima, Japan. Fishermen scoop approximately 5 centimetres young eels which gather to lamps. Eels are collected and raised as farming facilities. (Photo by The Asahi Shimbun via Getty Images)
Frosted landscape along Tangled Creek in Yellowstone National Park.
13 Jan 2015 — Frosty morning along Tangled Creek. Lower Geyser Basin, Yellowstone National Park. — Image by © Jeff Vanuga/Corbis
People cool off at a water park in Nanjing
People cool off at a water park, in Nanjing, Jiangsu province, August 1, 2015. Temperature hit 35 degrees Celsius (95 degrees Fahrenheit) in Nanjing on Saturday. Picture taken August 1, 2015. REUTERS/China Daily CHINA OUT. NO COMMERCIAL OR EDITORIAL SALES IN CHINA TPX IMAGES OF THE DAY – RTX1MQ3Y
Tsaatan people, Mongolia
___If you want to see more of my work, be welcome on my website http://www.parcheminsdailleurs.com ___Tsaatan people, reindeer herders tribes, live in the forest near Khovsgol lake, Northern Mongolia. Meeting them after several days of horseriding through the desertic taÔga and snow at times was unforgettable. Picture taken in 2014.
France, Reunion Island, Parc National de la Reunion (National Park of la Reunion), listed as World Heritage by UNESCO, Saint Benoit, Grand Etang, natural landscape of a lake surrounded by mountains under a stormy sky
02 Dec 2013, St.-Benoit — France, Reunion Island, Parc National de la Reunion (National Park of la Reunion), listed as World Heritage by UNESCO, Saint Benoit, Grand Etang, natural landscape of a lake surrounded by mountains under a stormy sky — Image by © SPANI Arnaud/Hemis/Corbis
Ice web
The photo was taken at ice skating journey on lake Baikal, Russia. Baikal in winter becomes the biggest ice rink in the world, fully covered with small and huge cracks, resembling spider’s web. We enjoyed more than 300 kilometers of smooth (and sometimes rough) ice, skating from Listvyanka to Khuzhir whithin less than two weeks. On the photo you can see small figures of skaters dragging loaded sledges behind.
Snow in Bern
epaselect epa04542318 Snow covers the roofs of houses in the city of Bern, Switzerland, 29 December 2014. EPA/PETER KLAUNZER ONE TIME USE ONLY.
NGS Picture ID:1915365
Aerials of Southern Alps, Fox Glacier, Mt. Cook and Mt. Tasman,Westland NP., and Mt. Cook NP.
A Journey to the Navajo Nation -- Modern Day Life in the Navajo Community
Highlighted by a hole in the clouds, Spider Rock stands out from the surroundings at Canyon de Chelly National Monument in eastern Arizona. The park, still populated by Navajo farms and ranches, requires a Navajo guide for access to most of the canyon bottom. (Kevin Moloney for the New York Times)
Holi Celebration In Bangladesh
Bangladeshi Hindu devotees are celebrating Holi Festival in Shakhari Bazar, Dhaka, Bangladesh, 6 March 2015. Holi is known as the festival of colors, celebrated at the end of the winter season on the last full moon day of the lunar month. The festival signifies the victory of good over evil.
Torred del Paine
Torres Del Paine, Chilean Patagonia The famous Torres Del Paine centerpiece ó Cuernos del Paine. This was the early morning sun hits the face of the mountain, and the dark stormy clouds glows and popes up!
Hongni tribeswoman
Ethiopia southern red tribe woman portrait

Oskar Kokoschka e la sposa del vento

1914, vigilia della Prima guerra mondiale. Pennellate nervose e materiche sanciscono la fine del travolgente e tempestoso rapporto d’amore che aveva legato  Kokoschka ad Alma Mahler, vedova del celebre compositore boemo Gustav Mahler.

2

La sposa del vento Oskar Kokoschka 1914, Basel, Kunstmuseum

 

 

I due amanti si ritrovano dentro una fragile imbarcazione e attorno a loro un turbinio di pennellate minacciose e violente. L’uomo appare impassibile, distaccato e freddo; la sua espressione è serena e riflessiva ma la posizione delle nodose mani, intrecciate e contratte tradisce tutta la sua primordiale paura.

L’idillio,iniziato nel 1912 e durato quasi due anni, sarà presto turbato dal tormento interiore di Oskar, ossessionato dal corpo di Alma e dalla sua prorompente bellezza. Gelosia pura e paranoie frequenti, tuttavia, cominciano a caratterizzare la loro relazione. Esplosioni d’ira, contrasti e ricatti minano il rapporto della coppia fino alla rottura. Alma va via, Oskar sceglie di andare in guerra.

220px-YoungAlmaMahler

Donna colta e raffinata, carattere forte e volitivo, grande ego ed una speciale predilezione per gli artisti e gli intellettuali. Da giovane ha una fugace relazione con Gustav Klimt da cui apprende le ‘prime’ nozioni sui piaceri del sesso; nel 1902 conosce e sposa il compositore Gustav Mahler,totalmente ammaliato dalla sua personalità  e da cui ha due figlie, Anna e Maria Anna,morta a soli 5 anni. Rimasta vedova nel 1911 sposa un altro genio di inizio secolo, l’architetto Walter Gropius, da cui ha una figlia, Manon, morta anch’ella a 17 anni. Nel 1929 divorzia e si unisce in matrimonio con lo scrittore Franz Werfel. Nel 1938 le leggi razziali la obbligano a trasferirsi negli Stati Uniti dove muore nel 1965

Il dottor Eugene Lazowski e la falsa epidemia di tifo che salvò 8000 ebrei polacchi.

2b

Eugene Lazowski era un medico polacco della seconda guerra mondiale. Un uomo come tanti: cattolico, una moglie, dei figli, un cane e un lavoro per la Croce Rossa nella città di Rozwadow (villaggio del sud-est polacco dove viveva una numerosa comunità ebraica). Aveva anche un amico, il dottor Stanisław Matulewicz, il quale fin dai tempi dell’Università,  aveva scoperto che iniettando a una persona sana un “vaccino” di batteri ‘inattivi’, quella persona sarebbe risultata positiva al  test  del  febbre tifoide senza sperimentarne né i sintomi né le mortali conseguenze. Così, semplicemente, maturano un piano per salvare dallo sterminio nazista una dozzina di villaggi nelle vicinanze di Rozwadów:  ‘infettare’ più gente possibile, ebrei e non, di età e condizione sociale diversa, nel minor tempo possibile. Funziona! Il Terzo Reich mette in quarantena tutta la regione.3

Un piano perfetto che è riuscito a salvare la vita di 8.000 polacchi, la maggior parte dei quali ebrei.

 Un idea semplice ma ardita ed eroica di due uomini che la storia, almeno quella ufficiale, si è semplicemente dimenticata.

Analisi del 2015

I folletti delle statistiche di WordPress.com hanno preparato un rapporto annuale 2015 per questo blog.

Ecco un estratto:

La sala concerti del teatro dell’opera di Sydney contiene 2.700 spettatori. Questo blog è stato visitato circa 35.000 volte in 2015. Se fosse un concerto al teatro dell’opera di Sydney, servirebbero circa 13 spettacoli con tutto esaurito per permettere a così tante persone di vederlo.

Clicca qui per vedere il rapporto completo.

Le strane abitudini e le bizzarre manie dei geni.

James Joyce scriveva sdraiato a pancia in giù sul letto, vestito con un camice bianco ed utilizzando grandi matite o pastelli, probabilmente a causa dei suoi gravi problemi alla vista. Joyce oltre ad essere alcolizzato, affrontò seri problemi economici; ci mise ben sette anni a terminare la sua opera più grande, l’Ulisse. La completò dopo aver superato otto malattie e aver cambiato il domicilio 19 volte.
James Joyce scriveva sdraiato a pancia in giù sul letto, vestito con un camice bianco ed utilizzando grandi matite o pastelli, probabilmente a causa dei suoi gravi problemi alla vista. Joyce oltre ad essere alcolizzato, affrontò seri problemi economici; ci mise ben sette anni a terminare la sua opera più grande, l’Ulisse. La completò dopo aver superato otto malattie e aver cambiato il domicilio 19 volte.
Francis Bacon beveva cinque o sei bottiglie di vino al giorno, passava le notti in bianco e mangiava più del dovuto. Non si poneva problemi a combinare le sue ubriacature con i sonniferi o gli stimolanti e spesso commentava: “Mi piace lavorare dopo una sbornia, la mente è frizzante di energia e riesco a pensare con più chiarezza”.
Francis Bacon beveva cinque o sei bottiglie di vino al giorno, passava le notti in bianco e mangiava più del dovuto. Non si poneva problemi a combinare le sue ubriacature con i sonniferi o gli stimolanti e spesso commentava: “Mi piace lavorare dopo una sbornia, la mente è frizzante di energia e riesco a pensare con più chiarezza”.
Truman Capote evitava di iniziare o finire un libro di venerdì, cambiava camera d’albergo se il suo numero telefonico conteneva un 13 e non metteva mai più di tre mozziconi di sigarette in un posacenere: quelli in più se li infilava nella giacca.
Truman Capote evitava di iniziare o finire un libro di venerdì, cambiava camera d’albergo se il suo numero telefonico conteneva un 13 e non metteva mai più di tre mozziconi di sigarette in un posacenere: quelli in più se li infilava nella giacca.
SIGMUND FREUD fumava quasi continuamente finché un amico medico lo ammonì che fumare tanti sigari avrebbe potuto causargli un'aritmia cardiaca pericolosa. Freud provò a smettere, ma senza successo. La mancanza di sigari gli provocò una grave depressione. Ma il tabacco non era l'unico vizio: apprezzava anche la cocaina, che non esitava a definire "una sostanza magica".
SIGMUND FREUD fumava quasi continuamente finché un amico medico lo ammonì che fumare tanti sigari avrebbe potuto causargli un’aritmia cardiaca pericolosa. Freud provò a smettere, ma senza successo. La mancanza di sigari gli provocò una grave depressione. Ma il tabacco non era l’unico vizio: apprezzava anche la cocaina, che non esitava a definire “una sostanza magica”.
Agatha Christie era solita mangiare mele nella vasca da bagno, ideando nuovi omicidi per i suoi romanzi. la grande giallista non sapeva cosa fosse una scrivania. Non ha mai avuto un ufficio, e Assassinio sull'Orient Express, per esempio, lo scrisse in una camera d'albergo. Ma in realtà scriveva ovunque le venisse voglia: in cucina, in camera da letto, in viaggio.
Agatha Christie era solita mangiare mele nella vasca da bagno, ideando nuovi omicidi per i suoi romanzi. la grande giallista non sapeva cosa fosse una scrivania. Non ha mai avuto un ufficio, e Assassinio sull’Orient Express, per esempio, lo scrisse in una camera d’albergo. Ma in realtà scriveva ovunque le venisse voglia: in cucina, in camera da letto, in viaggio.
Ernst Hemingway amava svegliarsi al mattino presto. Si svegliava verso le 5 e mezzo anche se la sera prima aveva bevuto qualche bicchiere di troppo, cosa che accadeva spesso. Amava collocare la sua macchina da scrivere su di un leggio in modo che gli arrivasse all’altezza del petto e dattilografava in piedi.
Ernst Hemingway amava svegliarsi al mattino presto. Si svegliava verso le 5 e mezzo anche se la sera prima aveva bevuto qualche bicchiere di troppo, cosa che accadeva spesso. Amava collocare la sua macchina da scrivere su di un leggio in modo che gli arrivasse all’altezza del petto e dattilografava in piedi.
Marcel Proust  contrariamente a Hemingway, era un amante del dolce dormire. Forse anche a causa della grave forma di asma di cui soffriva, si svegliava tra le tre e le sei di pomeriggio. Oppio per curare la mancanza di fiato, caffè e croissant era la sua ricetta quotidiana.Fece foderare di sughero le pareti di una camera in Boulevard Haussmann per essere isolato dai rumori e concentrarsi meglio. In tutta la giornata beveva solo due tazze di caffè-latte e mangiava solamente due croissant, anche se a volte si concedeva cene da re nei ristoranti della città. Faceva uso di oppio e consumava tavolette di caffeina per svegliarsi e sonniferi per dormire
Marcel Proust contrariamente a Hemingway, era un amante del dolce dormire. Forse anche a causa della grave forma di asma di cui soffriva, si svegliava tra le tre e le sei di pomeriggio. Oppio per curare la mancanza di fiato, caffè e croissant era la sua ricetta quotidiana.Fece foderare di sughero le pareti di una camera in Boulevard Haussmann per essere isolato dai rumori e concentrarsi meglio. In tutta la giornata beveva solo due tazze di caffè-latte e mangiava solamente due croissant, anche se a volte si concedeva cene da re nei ristoranti della città. Faceva uso di oppio e consumava tavolette di caffeina per svegliarsi e sonniferi per dormire.
Ludwig van Beethoven si svegliava all’alba e preparava lui stesso il caffè, contando ogni mattina 60 chicchi per tazza. Dopo la colazione rigorosamente a mezzogiorno, si narra che amasse fare una lunga passeggiata che durava quasi tutto il pomeriggio. Beethoven era ossessionato dalla pulizia; praticava giornalmente complicate abluzioni, tanto che, a causa dell’ingente quantità di acqua utilizzata, il liquido filtrava negli appartamenti sottostanti facendo innervosire ben più di un proprietario di casa.
Ludwig van Beethoven si svegliava all’alba e preparava lui stesso il caffè, contando ogni mattina 60 chicchi per tazza. Dopo la colazione rigorosamente a mezzogiorno, si narra che amasse fare una lunga passeggiata che durava quasi tutto il pomeriggio. Beethoven era ossessionato dalla pulizia; praticava giornalmente complicate abluzioni, tanto che, a causa dell’ingente quantità di acqua utilizzata, il liquido filtrava negli appartamenti sottostanti facendo innervosire ben più di un proprietario di casa.
Honoré de Balzac faceva uso di anfetamine e per restare sveglio e vigile prendeva 50 tazze di caffè al giorno. "Il caffè scivola nello stomaco, e subito avverti una commozione generale. Le idee cominciano a muoversi come battaglioni della Grande Armata sul campo di battaglia, e la battaglia si svolge. I ricordi arrivano al galoppo, portati dal vento". Morì all'età di 51 anni per un arresto cardiaco.
Honoré de Balzac faceva uso di anfetamine e per restare sveglio e vigile prendeva 50 tazze di caffè al giorno. “Il caffè scivola nello stomaco, e subito avverti una commozione generale. Le idee cominciano a muoversi come battaglioni della Grande Armata sul campo di battaglia, e la battaglia si svolge. I ricordi arrivano al galoppo, portati dal vento”. Morì all’età di 51 anni per un arresto cardiaco.
Friedrich Schiller teneva delle mele marce nella scrivania, perché il loro odore, per gli altri insopportabile, lo aiutava a trovare nuove idee ed ispirazioni,
Friedrich Schiller teneva delle mele marce nella scrivania, perché il loro odore, per gli altri insopportabile, lo aiutava a trovare nuove idee ed ispirazioni.
Virginia Woolf scriveva esattamente due ore e mezza ogni mattina, seduta o in piedi, utilizzando un tavolino alto 3 piedi e mezzo: in questo modo, poteva guardare il suo scritto da vicino e da lontano.
Virginia Woolf scriveva esattamente due ore e mezza ogni mattina, seduta o in piedi, utilizzando un tavolino alto 3 piedi e mezzo: in questo modo, poteva guardare il suo scritto da vicino e da lontano.

Dimenticavo…Picasso dipingeva solo di notte e fumava tre pacchetti di sigarette al giorno. Morì a 92 anni.

Annick Bouvattier e l’intimo compiacimento delle donne.

annick_bouvattier24600_374

Gesti apparentemente insignificanti, momenti banali, sguardi fugaci, parole non dette,  fianchi sinuosi, storie senza parole. Pittura di silenzi e di sopita passione, di caducità e di universale ammirazione. Annick Bouvattier dipinge la donna nel suo intimo compiacimento, nel suo spudorato candore.  E’ bella, giovane, senza falsa modestia e seducente. Molto seducente.

annick_bouvattier7600_607 annick_bouvattier9600_605 annick_bouvattier10600_604 annick_bouvattier13600_602 annick_bouvattier14600_600 annick_bouvattier15600_600 annick_bouvattier16600_599 annick_bouvattier17600_597 annick_bouvattier18600_595 annick_bouvattier20600_579 annick-bouvattier-4598_770

Lo strano caso di William West

Foto segnaletica di due persone diverse ma con lo stesso nome e le medesime misure antropometriche.

1 (2)

Nel 1903, un prigioniero di nome Will West arriva nella prigione di Leavenworth, nello stato di Washington. Mentre si stava schedando [ scheda N° 3426] gli addetti si accorsero che quel nome gli era già familiare e che anche le misure fisiche prese nonché la foto segnaletica erano uguali a quelle di un altro detenuto con lo stesso nome ma schedato mesi prima [scheda N°2626].

5

Il direttore del carcere, McCloughty, ordinò di portargli i due uomini e controllò personalmente le misure, ma queste combaciavano quasi perfettamente. Improvvisamente gli venne in mente un nuovo sistema di cui aveva letto: le impronte digitali. Così,dopo averle confrontate, si accertò che i due soggetti erano due persone diverse ( guardandole doveva essere complicato).

6

Il caso West screditò simultaneamente i tre metodi  in uso fino ad allora, quali l’identificazione del nome personale, la foto segnaletica e le misure fisiche di Bertillon(Sistema di riconoscimento biometrico). Nello stesso tempo confermò l’accuratezza e l’utilità dell’identificazione dell’impronta digitale che da quel momento divenne il metodo elettivo delle investigazioni legali.

7

Sincronicità

Sincronicità è il termine introdotto per la prima volta dallo psicanalista  Carl Gustav Jung nel 1950 per descrivere una connessione fra due o più eventi diversi ( coincidenze) che avvengono in modo sincrono e tra i quali non vi è una relazione di causa-effetto ma una evidente comunanza di significato.

Robert Todd Lincoln
Robert Todd Lincoln

L’uomo in foto è Robert Todd Lincoln, figlio di Abramo Lincoln, che nel 1864 alla stazione del New Jersey e in attesa di salire su un treno, barcollò in avanti e cadde tra i binari. Subito prima della tragedia fu preso per il colletto e tirato in salvo sulla banchina. Il suo soccorritore era Edwin Booth:

Edwin Booth
Edwin Booth

Edwin Booth era  il fratello dell’uomo che avrebbe da lì a poco ucciso il presidente Lincoln:

John Wilkes Booth e ricostruzione omicidio Lincoln
John Wilkes Booth e ricostruzione omicidio Lincoln

Robert Todd Lincoln, resta comunque famoso per aver  sfiorato e schivato la morte innumerevoli volte. La notte in cui John Wilkes Booth assassinò suo padre, avrebbe dovuto essere presente in teatro e solo all’ultimo momento decise di rimanere a casa.

Diciassette anni più tardi, nel 1881, accettò l’incarico di Secretary of War da parte del neo-eletto Presidente James Garfield, ed era presente quando questi fu assassinato da Charles Guiteau.

Vent’anni dopo, nel 1901, fu invitato all’inaugurazione della Pan American Exposition a Buffalo, New York, e durante la cerimonia un anarchico polacco, Leon Czolgosz, sparò al Presidente William McKinley, uccidendolo.

Dopodiché Robert Todd Lincoln dichiarò pubblicamente, giustamente, che non avrebbe mai più accettato inviti dai Presidenti Americani. Sollievo e fine del ‘palpeggiamento’ collettivo anti iella.

Emmett Till – Il ragazzo brutalmente assassinato per motivi razziali.

Emmett Till - Il ragazzo brutalmente assassinato per motivi razziali.
Emmett Till – Il ragazzo brutalmente assassinato per motivi razziali.

Emmett Louis “Bobo” Till (Chicago, 25 luglio 1941 – Money, 28 agosto 1955) era un ragazzo afroamericano brutalmente massacrato e assassinato per motivi razziali a Money, Mississippi. La sua morte è ricordata come uno degli eventi chiave che ha rafforzato il nascente movimento per i diritti civili statunitensi. I principali sospettati, Roy Bryant e il fratellastro W. Milam, vennero assolti.[ sem.cit. wikipedia]

emmett_news

Gli eventi

Till Il 24 agosto si recò, assieme ad altri ragazzi, al Bryant’s Grocery and Meat Market per acquistare dolciumi e bibite. Till aveva mostrato loro delle foto della sua vita a Chicago, compresa una di lui con i suoi amici e la sua fidanzata, una ragazza bianca: i ragazzi non riuscivano a credere che Emmett fosse fidanzato con una bianca, e lo sfidarono a rivolgere la parola a una donna bianca nel negozio. Mentre Till stava lasciando il locale, apparentemente disse “Bye, baby” a Carolyn Bryant, una donna bianca, sposata. Quando il marito di Carolyn, Roy, venne a sapere questo fatto al momento del suo ritorno in città qualche giorno dopo, si infuriò e decise di fargliela pagare.

Roy Bryan, left, and J W Milam
Roy Bryan, left, and J W Milam

La madre di Till pretese per il figlio una cerimonia funebre pubblica, con la bara aperta, perché tutti potessero vedere come il ragazzo fosse stato torturato e assassinato: era stato picchiato, gli era stato cavato un occhio, gli avevano sparato e l’avevano infine gettato nel fiume Tallahatchie con legata al collo una pala di una ginnatrice (strumento usato per la lavorazione del cotone) come zavorra con del filo spinato. Il cadavere rimase nel fiume per tre giorni prima di essere scoperto e recuperato da due pescatori.0

TILL

Il 23 settembre dello stesso anno la giuria, composta da 12 maschi, tutti bianchi, assolse gli imputati. Il verdetto fu pronunciato in soli 67 minuti; uno dei giurati disse che si erano presi una “pausa per prendersi una bibita” per allungare il tempo fino a un’ora “per farlo sembrare vero”.

1464b3e99a996b6405fad98315660c32

Roy Bryan, left, and J W Milam

Nel gennaio del 1956, in un articolo sulla rivista Look per il quale vennero pagati 4.000 dollari, J.W. Milam e Roy Bryant ammisero al giornalista William Bradford Huie di aver ucciso Till: non temevano di venire processati due volte per lo stesso crimine, in forza del principio del ‘non bis in idem’, sancito dalla Costituzione americana.

image_08_02_010

Antonia Pozzi – Preghiera alla poesia

Foto Nicki Upstairs
Foto Nicki Upstairs

Preghiera alla poesia

Oh, tu bene mi pesi
l’anima, poesia:
tu sai se io manco e mi perdo,
tu che allora ti neghi
e taci.
Poesia, mi confesso con te
che sei la mia voce profonda:
tu lo sai,
tu lo sai che ho tradito,
ho camminato sul prato d’oro
che fu mio cuore,
ho rotto l’erba,
rovinata la terra –
poesia – quella terra
dove tu mi dicesti il più dolce
di tutti i tuoi canti,
dove un mattino per la prima volta
vidi volar nel sereno l’allodola
e con gli occhi cercai di salire –
Poesia, poesia che rimani
il mio profondo rimorso,
oh aiutami tu a ritrovare
il mio alto paese abbandonato –
Poesia che ti doni soltanto
a chi con occhi di pianto
si cerca –
oh rifammi tu degna di te,
poesia che mi guardi.

Antonia Pozzi 

(da Parole)